Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Il Commesso

Malamud_Commesso Malamud, non così noto in Italia eppure è uno scrittore fondamentale della letteratura americana del XX sec.
Le sue origini culturali e intellettuali ebraiche sono ben evidenti in questo libro non solo per la definizione della struttura narrativa e della trama, ma anche per la delineazione della concezione del mondo e conseguentemente per la descrizione del carattere dei personaggi.
Romanzo incentrato su poche figure, intorno cui si sviluppa il microcosmo del quartiere newyorkese e della comunità ebraica. Un piccolo commerciante, sua figlia, sua moglie vivono una vita fatta di fatica e di stenti per far quadrare i conti. Il protagonista Morris ha un cognome, che ho appreso da una ricerca sul web, essere molto significativo: Bober che in yiddish significa uomo di poco conto, misero.
Morris è misero, ma onesto, integerrimo. Conta sul suo dio, pregando che le cose migliorino, che la sua onestà, la sua fede, la sua integrità siano ripagate della fatica. Così non è: a sciagura segue sciagura fino al parossismo beffardo di accogliere nel proprio negozio come aiutante un il ladro che lo ha ferito.
In Malamud sembra non esserci giudizio morale, sembra non esserci una condanna del male ma una solida fede nella possibilità di redenzione, nella natura dell’animo umano che tende al buono invece che alla malvagità.
Questo atteggiamento incarnato in Morris, rende il personaggio quasi insopportabile tanta è la remissività, l’attesa e la fiducia nel prossimo a discapito di tutto, anche delle evidenze. Eppure il Commesso non si redime, persegue il proprio fine e per farlo tende al bene, invece che al male, assecondando il concetto di rispettabilità sociale: lavorare, non rubare. Tutto però in lui è cinico, nulla è disinteressato. Aiuta il vecchio per reale pentimento, ma si prodiga davvero solo per conquistare sua figlia, Hellen, continua a rubare per fare bella figura e sposarsi. E’ un personaggio meschino e crudele. La violenza su Hellen è la dimostrazione di una natura indomabile. Si tratta di un romanzo complesso ispirato dalle stesse esperienze di vita dell’autore che ripercorre in parte la storia – sfortunata – della sua famiglia.
I personaggi sono a tutto tondo: di loro conosciamo l’atteggiamento verso la vita, la fede, il mondo e per questo sono estremamente caratterizzati, tanto da sembrare stereotipati – la moglie sospettosa e petulante, la figlia obbediente e ribelle che vuole una vita diversa, il commesso imbroglione e cinico, Morris buono e fiducioso nel prossimo.

La redenzione non c’è, una parvenza di redenzione è solo necessaria a raggiungere il proprio obiettivo.

Libro molto bello, mi ha affascinato ed è molto americano nel senso che rientra nel quadro della (grande) letteratura americana del periodo. Ammetto, però di averlo trovato lento in alcuni (lunghi) tratti.

Consigliato: agli appassionati della letteratura made in USA e per chi ama l’introspezione e l’esasperata analisi dell’animo umano.

Sconsigliato: a mio parere è un libro cinico e, forse per questo, realista. L’onesto perde, il meschino vince. Se poi avete qualcosa contro il vittimismo, questo libro non è per voi. Malamud va comunque letto.

PS Il consiglio di tatiana ha funzionato, e Speranza ha eletto questo libro il migliore del 2015.

Autore: Bernard Malamud
Editore: Minumum Fax
lingua originale: inglese
Lunghezza stampa: 237pp.
prezzo di copertina: 13,50€
ISBN-10: 8875215170

Annunci

Informazioni su Tatiana Larina

russa per vocazione, dedica ogni minuto libero a leggere qualsiasi cosa le passi a vista da arabi, persiani e indiani a scandinavi e russi, dai diari di viaggio alle saghe familiari e fantasy con un debole dichiarato per l‘italiano puro. Non che disprezzi chick-lit, fantasy e gialli da strapazzo, ma per carità non propinatele spazzatura spacciata per capolavori. Mamma e ricercatrice, dopo un decennio o più a girare per trovar chi sa cosa, è arrivata alla conclusione che un libro come si deve ti porta più lontano del ‘Millennium Falcon’.

8 commenti su “Il Commesso

  1. polimena
    13/05/2014

    Lo lessi moltissimi anni fa. Ricordo poco del libro se non che non mi entusiasmó. La letteratura yiddish in genere mi.piace…

    Mi piace

  2. Tatiana Larina
    13/05/2014

    ma io non sono molto yiddish, questo mi ha lasciato sensazioni contrastanti, credo che si capisca dalla recensione

    Mi piace

  3. Agata (e la tempesta)
    13/05/2014

    quando lo lessi mi piacque, me lo consigliarono come un “classico” e credo che quest’etichetta gli si addica. M’era piaciuto molto lo stile.

    Mi piace

  4. speranza
    25/04/2015

    l’ho appena iniziato e mi pare molto molto interessante.

    tatiana sei una certezza!

    Liked by 1 persona

  5. Tatiana Larina
    25/04/2015

    libro pesante… in effetti lascia il segno… dopo un anno ricordo la trama con precisione quindi vuol dire che resta parecchio. Aspetto i tuoi feddback Speranza

    Liked by 1 persona

  6. speranza
    02/05/2015

    soffocante e claustrofobico.
    condivido le osservazioni che hai fatto nella tua recensione.
    Malamud (grazie per avermelo fatto conoscere) è davvero un grande scrittore.
    ho voglia di rileggerlo.
    ma tra un po’.
    devo riprendere a respirare un po’ di leggerezza.

    Liked by 1 persona

  7. speranza
    02/05/2015

    vero anche quello che dice Agata. può essere considerato un classico.

    grazie russe!

    Liked by 2 people

  8. Pingback: Ci (ri)mettiamo la faccia: i migliori libri letti nel 2015 | Parla della Russia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13/05/2014 da in Amore a prima svista, Un classico è per sempre con tag .

Seguimi su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: