Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

#5libri per vie traverse

Diconsi “libri per vie traverse” quei libri che mi è capitato di leggere sollecitata da curiosità tutt’altro che letterarie.

decespedes“Nessuno torna indietro” di Alba de Cespedes l’ho preso nella biblioteca del mio liceo. Mi aveva incuriosito il fatto che la protagonista si chiamasse “Emanuela” nome che vanta rarissime citazioni in ambito artistico fatte salva la canzone di Julio Iglesias che ha afflitto la mia adolescenza e quella di Claudio Villa che grazie a un collega canterino ha allietato i miei primi anni di lavoro (“Mi han detto che è la più bella di Barcellona, l’ho vista gettar lo scialle giù nell’arena”) ma queste due ragazze non avevano la “E” iniziale e quindi era la mia prima volta da protagonista. L’autrice, oggi quasi dimenticata, impianta un racconto corale che coinvolge un gruppo di ragazze con le loro vite. Le ragazze, che vivono a Roma in un pensionato per studentesse, vengono colte nel momento di passaggio dall’età adolescente a quella adulta, un momento di scelte da cui, come afferma il titolo, non si torna indietro ma che sono scelte di donne forti che affermano la loro individualità. Una specie di serie TV ante litteram.

vampiro“Intervista col vampiro” di Ann Rice

Intorno alla metà degli anni Ottanta uscì il primo disco da solista di Sting che mi fu regalato per il mio compleanno. Nelle note presenti in copertina l’autore citava questo come riferimento letterario per l’ottina “Moon Over Bourbon Street”. Ricordo che mi prese una curiosità incontenibile, subito frustrata dalla scoperta che il libro, uscito in traduzione nel 1977, era ahimé fuori catalogo. Poco tempo dopo capitai a Ostia ed entrando in una libreria dell’usato, mi trovai davanti questo bel volume della Bompiani. Il libro fu una piacevole sorpresa. La storia del “buon vampiro” Louis mi colpì per originalità (Twilight e compagnia erano di là da venire) e mi commosse tantissimo. Il film del 1994 di Neil Jordan è pieno di belle facce (Pitt, Cruise e Banderas pre-gallina) ma non gli rende giustizia.

rendell“L’albero delle mani” di Ruth Rendell

La Rendell neanche sapevo chi fosse prima dei leggere “Nuvolosità variabile” di Carmen Gaite, storia di un’amicizia tra due donne che è stato uno di quei libri che ho letto d’un fiato come si dice (iniziato la mattina, crollata a notte inoltrata, riaperto e finito la mattina dopo). Il libro, un giallo è letto da una delle protagoniste. Inutile dire che DOVEVO leggerlo assolutamente. Del libro non ricordo quasi nulla ma se da qui vedo molti libri di Ruth Rendell sullo scaffale dei gialli, subiva che mi era piaciuto e anche tanto.

algernon“Flowers for Algernon” di Daniel Keyes

Elaborazione di un racconto che in Italia fu pubblicato nella storica antologia “Le meraviglie del possibile” curata da Fruttero e Lucentini, “Flowers For Algernon” è il libro di Daniel Keyes letto da Root bambina in “Person of Interest”, una serie TV per cui ero andata letteralmente fuori di testa (a causa tanto della faccia di Jim Caviezel che interpretava John Reese quanto di quella di Michael Emerson  – il cattivo Benjamin linus di “Lost”nelle vesti di Finch). Mi misi ad indagare e trovai in rete una recensione che consigliava di leggerlo in inglese, senza spiegare perché. E non ve lo spiego neanche io. Però confermo che va letto in lingua originale, che è diventato uno dei miei libri di culto e che ho versato fiumi di lacrime, cosa che mi capita di rado leggendo. Fantascienza poi…

scirocco“La stanza dello scirocco” di Domenico Campana

Uno zio mi raccontò che il film, ambientato in Sicilia, era stato in parte girato a Monterosso Almo, paese natale di una parte di famiglia materna. Il film non l’ho più visto ma pochissimi giorni fa ho trovato una copia del libro a casa di amici e me la sono portata a casa. La storia racconta di una coppia di scarsi mezzi che riceve in eredità un palazzo storico appartenuto a un nobile recentemente scomparso. Unica condizione per entrarne effettivamente in possesso è che i due vi abitino per trent’anni, senza venderlo né affittarlo. Nonostante le resistenze del marito, la coppia si trasferisce nell’abitazione principesca, accolta dal vecchio maggiordono Salvatore che è parte dell’eredità, ma la casa cambia la vita e il rapporto fra i coniugi sotto gli occhi attenti e inquietanti di Salvatore.

 

Annunci

5 commenti su “#5libri per vie traverse

  1. snailhand
    29/08/2016

    Bellissima lista, “flowers for Algernon” mi attira parecchio!

    Liked by 2 people

  2. polimena
    29/08/2016

    Belle le tue letture, le vie traverse per approdare ai libri le percorro spesso anche io!

    Liked by 2 people

  3. stravagaria
    29/08/2016

    A volte le vie son talmente traverse che finisco alla deriva… Prendo in prestito l’ultimo suggerimento 🙂

    Liked by 3 people

  4. Agata (e la tempesta)
    30/08/2016

    Non pensare di essere l’unica ad avere avuto una canzone “tormentone”… se becco quello ha fatto la musica del lievito Bertolini lo meno!

    Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29/08/2016 da in #5libri.

Seguimi su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: