Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Il Regno

fcd26a95c4167f091b6b7a63eb6afaf0_w600_h_mw_mh_cs_cx_cy

“… io vivo nel culto e nella costante preoccupazione della mia persona, ma che in questa persona credo incrollabilmente. Non conosco nient’altro che questo «io» e credo che questo «io» esista.”

Rovereto, 26 maggio 2015

Ciao Emmanuel, questa mia per scriverti due cosucce.

Stavolta m’hai proprio delusa, eh?
Accidenti a te, quando ho visto che era uscito questo nuovo romanzo, t’ho sentito non mi ricordo se a Fahrenheit o da qualche altra parte mi son detta nonmeloperdo.

Riaccidenti, sette anni per scriverlo e mi fai perdere il filo 764 volte. Sempre a dover tornare un po’ indietro perché tra santi e peccatori non ci capisco più nulla. Che non c’ho mica il tempo di leggerlo tutto di filato, sai?

Magari un ordine un po’ cronologico non sarebbe stata una brutta idea. Chennesò, partire da Gesù per poi passare a Luca e solo dopo folgorarmi sulla via di Damasco con Paolo.

Aggiungiamoci un 25% iniziale di tue paranoie mentali (e sono ateo, no aspetta, ora ci credo, vado in chiesa per un anno prima di iniziare a fare la comunione, i commenti giornalieri al vangelo di S. Giovanni che poi pianti lì, da un giorno all’altro – m’è sfuggito il motivo del tuo nuovo ricadere nell’ateismo), ecco,  quel 25% l’avrei ridotto ad un 5%.

Io l’ho capito, sai, sarei un buon editor. Cancellando almeno un terzo del tuo – così lo definisci tu – capolavoro, qualcosa di buono ne sarebbe uscito.

Questo libro che sto scrivendo sul Vangelo è uno dei miei molti beni. La sua ampiezza mi fa sentire ricco, me lo figuro come il mio capolavoro, sogno per lui un successo mondiale.

E poi basta sesso, dai… che c’entra quella scena di masturbazione non lo so, non l’ho capito. E non sono una bacchettona.

Insomma, pensa, non m’è piaciuto a me che non credo. Figurati se lo prende in mano qualche credente. Gli fai venire l’eritema pruriginoso dal primo follicolo pilifero all’ultimo (dermatologi, perdonatemi, ma se questa cosa non esiste, vedrete se non scoppia un’epidemia dopo 400 pagine di lettura).

Alcune cose molto interessanti, però condite nel modo sbagliato. Ché, secondo me, hai perso il filo pure tu. In mezzo hai pubblicato altri libri, l’avrai ripreso in mano millemila volte e vedi un po’ cosa ne esce; del resto, lo ammetti anche tu…

Stavo terminando questo libro, e non posso negare che ne ero piuttosto soddisfatto. Mi dicevo: scrivendolo ho imparato molte cose, ne imparerà molte anche il lettore, e queste cose lo faranno riflettere: ho fatto un buon lavoro. Al tempo stesso, avevo il tarlo di non essere arrivato al nocciolo della questione. Di essere finito fuori strada, nonostante tutti i miei studi, la mia serietà, i miei scrupoli. Il fatto è che quando si affrontano argomenti simili l’unico modo per non finire fuori strada sarebbe schierarsi dalla parte della fede – cosa che io non volevo fare, e non voglio fare tuttora.

Peccato, Emmanuel.
Ti do solo un’altra possibilità.
Poi ti cancello dalla lista degli amici 😀

Agata (elatempesta)

 

p.s. e che non mi accada mai più di leggere #maquantosonobravo, #maquantosonobello, #maquantosonofigo, #maquantosonointelligente

p.s. 2: se vi è rimasta la voglia di leggerlo, qui sotto trovate i dati.

 

Titolo: Il Regno
Autore: Emmanuel Carrère
Editore: Adelphi
Pag.: 428
Prezzo: 22,00 euro
ISBN 9788845929540

Annunci

Informazioni su Agata (e la tempesta)

Prende il nome dal suo film preferito dove Agata è una libraia che incontra, tra gli scaffali, l'uomo della sua vita. Sarà che non è libraia, ma lei ancora non gli è sbattuta contro. Nel frattempo fa l'im-piegata - per sopravvivenza - e partecipa ad ogni corso le sbarri la strada, purché non faccia venire il fiatone. Così, da ex pianista, ex corista, passa per la calligrafia, la legatoria, il teatro, il clavicembalo. E, in tutti gli spazi possibili, vi infila i libri, con una netta predilezione per i classici. E tanti libri per bambini, che suo figlio - molto allegramente - snobba. Però la ama e la sostiene nel suo diventare adulta.

8 commenti su “Il Regno

  1. Agata (e la tempesta)
    26/05/2015

    L’ha ribloggato su LibriPensierie ha commentato:

    Agata, frastornata da 400 pagine di fatica, scrive a Carrère.

    Mi piace

  2. p@p
    26/05/2015

    Ahi, che dolore che m’hai dato. Adesso la voglia di leggerlo mi è passata quasi del tutto 🙂

    Mi piace

    • Agata (e la tempesta)
      27/05/2015

      Il contenuto è interessante, P@p. Ma non perdere il filo 😉

      Mi piace

  3. polimena
    26/05/2015

    Cara la mia Agatuccia,
    trovo le tue recensioni sempre più divertenti. Brava, continua così! !

    Liked by 1 persona

  4. Maga
    27/05/2015

    Il libro è da bocciare ma la recensione è fantastica!

    Liked by 1 persona

  5. speranza
    29/05/2015

    agata fantastica!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26/05/2015 da in #LetterArie, Buttiamoli nel Volga, Ora in libreria con tag , .

Seguimi su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: