Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Becoming

Cosa significa “diventare” da una ragazza cresciuta in una famiglia modesta afroamericana di South Side a Chicago alla prima black FLOTUS (First Lady of the United States) che crescerà per otto anni le sue due figlie, Malia e Sasha, alla Casa Bianca? Becoming, l’autobiografia di  Michelle Obama ci racconta questo “divenire” attraverso numerosi aneddoti, riflessioni ed emozioni. Iniziando con il racconto di un’adolescenza spensierata in una famiglia semplice, composta da un padre disabile, una madre dedita completamente alla crescita dei suoi figli e un fratello – Greig – sportivo esemplare e modello per la stessa Michelle.

Studente di legge a Princeton e poi donna in carriera iper-perfezionista in studi legali di primo piano di Chicago. È qui che conosce il giovane Barack Obama. La prima impressione non è però quella giusta (Obama arriva con ritardo al primo appuntamento lavorativo dove Michelle sarebbe poi divenuta la sua tutor). Così come quando Michelle porta Barack a conoscere i suoi genitori il padre dirà “Nice guy, he said, too bad he won’t last”.

Il memoir segue poi la carriera politica di Obama fino a quando nel novembre 2008 diventa primo Presidente afroamericano degli Stati Uniti: “He had done it. We’d all done it, Here is where I felt like our family got launched out of a cannon and into some strange underwater universe”.

La descrizione della vita nella Casa Bianca, una vita fatta di rigide regole, di un controllo 24 h dove nulla è lasciato al caso o spontaneo, è forse la parte più interessante del libro. Michelle, dopo tutto, è ancora la ragazza cresciuta in un quartiere povero di Chicago e che, quando incontra la Regina d’Inghilterra, sconvolge tutta la stampa mondiale per un suo semplice gesto di toccare la spalla di Elisabetta.

Gli otto anni di Presidenza Obama saranno anni in cui Michelle cercherà di impegnarsi in diverse battaglie sociali: dal cibo sano, alla lotta all’obesità, all’istruzione femminile. Per molti, me inclusa, questi otto anni di Presidenza Obama hanno rappresentato una grande delusione. La vita degli afroamericani non è certo migliorata, così come, fra l’altro – malgrado le numerose stragi avvenute in America – non si è riusciti a passare una legge sulla limitazione dell’uso delle armi. Ma se pensiamo al corrente occupante della Casa Bianca la famiglia Obama ci appare ora come un sogno. Michelle non risparmia dure accuse a Trump, per aver messo a rischio la vita stessa degli Obama “and for this I’d never forgive him”. Al discorso inaugurale di Trump, “ I stopped even trying to smile”.

Becoming è sicuramente un libro “furbo”: scritto con un linguaggio semplice ma non scontato è rivolto a tutti ma soprattutto a tutte le donne di ogni classe sociale e intellettuale; non ci si può che sentire vicine a Michelle, a volte condividendo pensieri ed emozioni. E a chi pensa sia un libro pubblicato in previsione delle prossime elezioni presidenziali del 2020 con un fine ben preciso, beh probabilmente rimarrà molto deluso. Michelle lo dice abbastanza chiaramente: non è nei suoi programmi e nella sua indole diventare la first black woman POTUS (President of the United States).

 

Autrice: Michelle Obama
Titolo: Becoming
Editore: Crown Publishing Group
Pagine: 448 pagine

Annunci

Informazioni su maria san

Da bambina il mio sogno era leggere tutti i libri del mondo. Poi con l eta' ho capito che la mia era una mission impossible anche perche' alcuni libri li evito come la peste (Volo, Coelho &co. ci siamo capit@). Sono un po' fissata con la letteratura russa (i miei libri preferiti sono Maestro e Margherita di Bulgakov, Guerra e Pace di Tolstoy e Delitto e Castigo di Dostoyevskii) che se posso leggo in lingua originale (ecco poi sono una fissata della lingua russa) e anche libri di geopolitica sull'area ex sovietica. Ma amo anche leggere biografie di musicisti jazz, artisti e scrittori, romanzi di scrittrici dal continente africano, e libri sul cinema.

4 commenti su “Becoming

  1. annaecamilla
    09/01/2019

    Grazie avevo intenzione di comprarlo da un po’ 💖

    Piace a 1 persona

  2. zaidenoll
    09/01/2019

    Maria, la cosa divertente è che la tue recensione mi piace molto, ma ne avrei scritta una completamente diversa! 😀

    Piace a 2 people

    • maria san
      09/01/2019

      be’ possiamo fare una controrecensione 🙂 sarebbe divertente!

      Piace a 2 people

  3. polimena
    09/01/2019

    Voglio leggerlo!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 09/01/2019 da in Biografie bolsceviche, Ora in libreria.

Le nostre foto

Quattro saggi inediti, scritti da Virginia Woolf tra il 1919 e il 1939, in cui l’autrice si interroga sul ruolo della recensione che “a differenza del critico letterario, non ha niente da dire allo scrittore; è al lettore che si rivolge”. . . Leggere, recensire di Virginia Woolf, @marcosymarcos . . Letto da Speranza . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm  #virginiawoolf
"Mi commuovono i lettori e basta, quelli che hanno ancora il coraggio di leggere il Dizionario filosofico di Voltaire, che è una delle opere più piacevoli e moderne che conosco. Mi commuovono i giovani di ferro che leggono Cortázar e Parra, così come li ho letti io e come intendo continuare a leggerli. Mi commuovono i giovani che dormono con un libro sotto la testa. Un libro è il miglior cuscino che esista." Dall'ultima intervista pubblicata nel luglio del 2003 dall’edizione messicana di «Playboy» a Roberto Bolaño . . #robertobolaño #2666 @adelphiedizioni . . Letto da @maga_ri_domani . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm
Alzarsi presto la mattina e approfittare del silenzio per finire gli ultimi capitoli del libro di Tara Westover, L'educazione, Feltrinelli traduzione di Silvia Rota Sperti. L'autrice racconta la sua storia e il suo percorso verso "L'educazione", la sua trasformazione e presa di coscienza che l'ha portata da uno sperduto paese dell'Idaho e da una famiglia mormona tradizionalista - che non crede nella scuola, nella sanità e nello Stato - a conseguire un dottorato in Storia a Cambridge. Un'educazione che l'è costata molto in termini di affetti familiari, portandola a rompere con gran parte dei componenti della sua grande famiglia. . . #tarawestover #leducazione @lafeltrinelli . . letto da @polimena @lafeltrinelli . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm
Halldór Laxness, premio Nobel per la letteratura nel 1955, riposa qui, in un piccolo cimitero sulla collina, poco lontano da casa sua, ora trasformata in museo. Da qui si domina la valle, lungo la quale scorre uno dei tanti torrenti che portano la neve al mare; con cieli che virano di colore dal blu intenso di una giornata di vento, a tutti i toni del grigio quando piove. Senza contare le infinite sfumature del verde che accolgono il viaggiatore, che pare non saziarsi mai di questo spettacolo. L'Islanda è un paese che incanta, estremo, le cui comunità hanno vissuto spesso isolate per la durezza del clima e la mancanza di mezzi per il proprio sviluppo. Laxness racconta tutto questo, nei suoi libri. Se volete conoscere e capire un po' questo paese leggete Gente indipendente. Un capolavoro. . . Halldór Laxness, pubblicato da @iperborea . . @agata.e.la.tempesta è andata a trovarlo per noi . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm #halldórlaxness #laxness #iceland #islanda #genteindipendente #graves

I nostri cinguettii

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: