Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Le vedove di Malabar Hill, Sujata Massey

Una ragazza di buona famiglia nella Bombay degli anni venti ha un solo obiettivo: sposarsi con l’uomo che sceglierà la sua famiglia e farlo nel migliore dei modi, vivendo nella ricchezza e prendendosi cura della numerose prole che verrà.
Perveen Mistry, la protagonista del libro di Sujata Massey, Le vedove di Malabar Hill, non conduce  una vita simile alla maggior parte delle sue coetanee indiane. Figlia di un noto avvocato e prima donna avvocato di Bombay, studi all’università di Oxford come il padre e un matrimonio d’amore fallito allo spalle, a poco più di venti anni ha vissuto esperienze forti e provanti. Essere donna da un lato non le consente di esercitare nel tribunale di Bombay, che ancora non riconosce questa possibilità alle donne, dall’altro le permette di avere accesso a luoghi rigidamente vietati agli uomini. Quando al padre capita fra le mani il caso delle le tre vedove del defunto imprenditore Omar Farid, Perveen sembra essere l’unica persona adatta ad occuparsene. Le tre donne infatti vivono con i loro figli secondo purdanashin, cioè nella più completa reclusione senza poter aver contatti con altri uomini che non siano il marito o gli stretti parenti.

L’ingresso di Perveen nella zenana, la parte della grande villa destinata alle mogli, dà il via a un crescendo di fratture, bugie e sotterfugi in quello che a prima vista sembra un mondo tranquillo e sereno.

Se la vita che conduce Perveen sembra lontana anni luce dalle scelte della vedove che sono volontariamente chiuse nella grande casa, nel suo recente passato la giovane donna ha vissuto esperienze per qualche verso simili, come scopriamo leggendo il libro. Nel romanzo infatti le due storie – quella personale di Perveen, sposata per amore a diciannove anni a un uomo di Calcutta, e quella delle tre mogli di Farid e dei rispettivi figli – si alternano fino ad intrecciarsi.

Non perdetevi d’animo se nei primi capitoli vi troverete confusi fra parole in parsi, piatti tipici dai nomi sconosciuti e usanze poco note.  In breve ci si appassiona alla vicenda e si prende confidenza con l’ambiente e le consuetudini della Bombay anni venti.

Oltre alla storia gialla, quello che rende avvincente e interessante questo libro è lo sguardo sulla società indiana dell’epoca, in bilico fra modernità e i retaggi di antiquate tradizioni. Vero è che nei primi del novecento anche le aristocratiche donne inglesi rispettavano una serie di convenzioni che ora ci sembrano assurde ma il mondo misterioso e recluso delle vedove, i rituali, i matrimoni combinati e l’allontanamento delle donne durante il periodo mestruale, gettano una luce ulteriore sulla figura di Perveen che tenta, attraverso l’istruzione e il supporto della famiglia e pur nel solco della tradizione, di emanciparsi come donna. Una figura affascinante e insolita, che mi ha incuriosito. Aspetto la prossima avventura di Perveen!

Il libro: Le vedove di Malabar Hill – Le inchieste di Perveen Mistry
L’autrice: Sjuata Massey
Traduttore: Laura Prandino
Editore: Neri Pozza
Prezzo: 15,30 cartaceo – 9,99 ebook

Più vicina alla narrativa di genere inglese, anche per l’ambientazione in una ex colonia britannica, questo è un libro che piacerà a chi ama Agatha Christie o i gialli di Agata Raisin e di Alan Bradley con protagonista la giovane Flavia de Luce. Poco sangue e molta logica deduttiva.

Annunci

Informazioni su polimena

Sconvolta dal fatto che nell'interpretazione della canzone dei Tre cowboy dello zecchino le toccasse sempre la parte del Pacioccone, decise di rifugiarsi negli Harmony. Ne lesse talmente tanti da farne indigestione e da non sopportare più l'aroma zuccheroso e scontato. Onnivora con poche eccezioni legge per puro diletto, senza alcun filo logico se non l'ispirazione del momento o il consiglio di pochi fidati amici di letture.

5 commenti su “Le vedove di Malabar Hill, Sujata Massey

  1. stravagaria
    07/11/2018

    Ah… questo mi chiama da qualche mese! Ora mi sa che non ho più scelta, dovrò leggerlo 😀
    Mannaggina… è che per “colpa” di zaidenoll mi sono tardivamente intrippata con Rocco Schiavone che avevo colpevolmente ignorato per anni e sto recuperando tutto in una volta

    Mi piace

  2. glencoe
    07/11/2018

    L’ha ribloggato su l'eta' della innocenza.

    Piace a 1 persona

  3. speranza
    07/12/2018

    questo lo voglio leggere.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Le nostre foto

Ogni anno, nel giorno del compleanno del blog Parla della Russia, consigliamo i nostri libri preferiti e Ci mettiamo la faccia. In attesa del 16 dicembre, stuzzicatevi l'appetito con la grande capa @ZaideNoll e il suo consiglio dello scorso dicembre 2017. . . . E’ stato un anno in cui ho letto poco rispetto ai miei standard, tra cui libri assolutamente dimenticabili, e anche libri bellissimi, tra cui Una vita come tante, La Ferrovia Sotterranea e Sangue Giusto, di cui si è ampiamente parlato qui. Per questo voglio dedicare questo post natalizio ad un librino che mi ha folgorato qualche giorno fa. Un libro per maniaci di libri (eccomi!) scritto da “un misterioso gruppo di esperti e maniacali lavoratori dell’editoria italiana”. E voi lo sapete che a me piacciono un sacco i maniaci! Nel libro troverete un po’ di tutto, dall’elenco dei vincitori dei principali premi letterari, agli incipit più belli della storia della letteratura. Il libro è bello, ha la copertina rugosa, le pagine color crema ed è un piacere sfogliarlo, tenerlo, regalarlo. . . Guida tascabile per maniaci dei libri Collana Beauborg, Editore Clichy Letto da @Zaidenoll . . @clichy_edizioni #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm #book
Un'autobiografia raccontata in terza persona sfogliando un album di fotografie, prima in bianco e nero e poi a colori. Il tessuto di un'esistenza personale e marcatamente femminile intimamente intrecciato al movimento fugace di una storia collettiva, quella dagli anni quaranta a oggi. Un vertiginoso elenco sociologico nel tentativo di "sauver quelque chose du temp ou l'on ne seraj plus jamais" . . . Letto da @pamelafragnoli . #parladellarussia #libri #leggere #instabook #igerbooks #bookaddict #libridaleggere #bookworm #book #annieernaux #autobiography
Il National Theatre è un colosso dell'architettura brutalista inglese. Insieme all'altro famoso mostro, The Barbican, sono brutti solo al primo sguardo. Sono belli dentro, di sicuro. Il National Theatre è un luogo prezioso ed aperto, dove tavoli, divani, poltroncine e tappeti spessissimi offrono ospitalità gratuita, oltre che film e teatro di qualità. Nel foyer immenso, c'è anche la libreria, un nucleo luminoso nella penombra della sala; un beacon, si direbbe inglese, un segnale di richiamo per allodole bibliofile. . . Segnalato da @realchicawonder . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm #book #london #nationaltheatre #beacon
Scriveva Susan Sontag a 14 anni: . Credo: a) che non esista un Dio personale né una vita dopo la morte b) che la cosa più desiderabile al mondo sia la libertà di essere fedeli a se stessi, vale a dire l'Integrità c) che la sola cosa che differenzi gli esseri umani sia l'intelligenza d) che il solo criterio per giudicare qualsiasi azione sia l'effetto ultimo che essa produce sulla felicità o l'infelicità dell'individuo e) che sia ingiusto privare un essere umano della vita [...] h) credo, inoltre, che uno Stato ideale debba essere forte e centralizzato, con il controllo governativo dei servizi pubblici, banche, miniere + trasporti e sovvenzioni delle arti, un salario minimo confortevole, il sostegno ai disabili e agli anziani. Assistenza statale alle donne incinte senza alcuna distinzione fra figli legittimi + illegittimi. . Era il 23 novembre 1947. Un libro pieno di spunti di riflessione, ma anche musica e letteratura. Un regalo bellissimo per lettori sofisticati. . #susansontag @edizioninottetempo #rinata . . . Letto da @agata.e.la.tempesta . . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm #book #diario #diary

I nostri cinguettii

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: