Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

L’artista della fuga

Un incidente aereo in Alaska e sette vittime, fra cui un caro amico del presidente Orson Wallace (il successore di Obama).
Un imbalsamatore della base militare di Dover, nel Delaware, Jim Zig (Zigarowski)  che si deve occupare del cadavere di una delle donne morte nel volo,  per prepararlo per le esequie.

Il cadavere sul quale Jim inizia a lavorare è indicato come quello di Nola Brown, che si trovava in Alaska come artista di guerra, un militare incaricato di dipingere sofferenza e vita quotidiana dei soldati in servizio.

Ma Jim conosce Nola sin da ragazzina, e sa bene che il cadavere sul quale deve lavorare non può essere il suo.  A complicare il tutto un bigliettino nello stomaco della donna morta: “Nola, avevi ragione. Continua a scappare”.
Da qui prende il via il giallo di Brad Meltzer, L’artista della fuga, edito da Fazi e tradotto da Giuseppe Marano.

Per tutto il libro il lettore si chiede chi sia davvero Nola Brown: la ragazzina che ha salvato la vita alla figlia di Zig oppure un’assassina sociopatica come la descrivono i suoi colleghi e i rapporti sui suoi difficili trascorsi nell’esercito americano? L’infanzia difficile di Nola ha temprato il suo carattere, poche parole, tanto spirito di osservazione e una grande reattività. Un personaggio che ricorda per certi versi la Lizabeth Salander della saga di Millennium di Stig Larsson.

La strana coppia Zig – Nola Brown si muove in uno scenario degno dei migliori thriller: complotti dei servizi segreti, controspionaggio, spiritismo e violenze. Un giallo che si legge velocemente, un capitolo dopo l’altro in cerca del colpevole ma la fluidità dell’azione va forse a scapito della coerenza e della verosimiglianza.

Amanti del thriller all’americana questo libro è per voi, mettetevi comodi, allontanante ogni fonte di disturbo, e godetevi questa lettura tutta d’un fiato. Se rientra nei vostri gusti state tranquilli, il finale lascia pensare a una nuova avventura della strana coppia Zig – Nola Brown.

 

Titolo: L’artista della fuga
Autore: Brad Meltzer
Traduttore: Giuseppe Marano
Editore: Fazi
Pag.: 476
Prezzo: € 15,00 cartaceo, € 7,99 ebook

Annunci

Informazioni su polimena

Sconvolta dal fatto che nell'interpretazione della canzone dei Tre cowboy dello zecchino le toccasse sempre la parte del Pacioccone, decise di rifugiarsi negli Harmony. Ne lesse talmente tanti da farne indigestione e da non sopportare più l'aroma zuccheroso e scontato. Onnivora con poche eccezioni legge per puro diletto, senza alcun filo logico se non l'ispirazione del momento o il consiglio di pochi fidati amici di letture.

Un commento su “L’artista della fuga

  1. stravagaria
    24/10/2018

    Credo stia per arrivare il suo momento! Buon suggerimento, grazie

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24/10/2018 da in Dieci piccoli Russi, Ora in libreria, Russi & Gialli.

Le nostre foto

Ogni anno, nel giorno del compleanno del blog Parla della Russia, consigliamo i nostri libri preferiti e Ci mettiamo la faccia. In attesa del 16 dicembre, stuzzicatevi l'appetito con la grande capa @ZaideNoll e il suo consiglio dello scorso dicembre 2017. . . . E’ stato un anno in cui ho letto poco rispetto ai miei standard, tra cui libri assolutamente dimenticabili, e anche libri bellissimi, tra cui Una vita come tante, La Ferrovia Sotterranea e Sangue Giusto, di cui si è ampiamente parlato qui. Per questo voglio dedicare questo post natalizio ad un librino che mi ha folgorato qualche giorno fa. Un libro per maniaci di libri (eccomi!) scritto da “un misterioso gruppo di esperti e maniacali lavoratori dell’editoria italiana”. E voi lo sapete che a me piacciono un sacco i maniaci! Nel libro troverete un po’ di tutto, dall’elenco dei vincitori dei principali premi letterari, agli incipit più belli della storia della letteratura. Il libro è bello, ha la copertina rugosa, le pagine color crema ed è un piacere sfogliarlo, tenerlo, regalarlo. . . Guida tascabile per maniaci dei libri Collana Beauborg, Editore Clichy Letto da @Zaidenoll . . @clichy_edizioni #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm #book
Un'autobiografia raccontata in terza persona sfogliando un album di fotografie, prima in bianco e nero e poi a colori. Il tessuto di un'esistenza personale e marcatamente femminile intimamente intrecciato al movimento fugace di una storia collettiva, quella dagli anni quaranta a oggi. Un vertiginoso elenco sociologico nel tentativo di "sauver quelque chose du temp ou l'on ne seraj plus jamais" . . . Letto da @pamelafragnoli . #parladellarussia #libri #leggere #instabook #igerbooks #bookaddict #libridaleggere #bookworm #book #annieernaux #autobiography
Il National Theatre è un colosso dell'architettura brutalista inglese. Insieme all'altro famoso mostro, The Barbican, sono brutti solo al primo sguardo. Sono belli dentro, di sicuro. Il National Theatre è un luogo prezioso ed aperto, dove tavoli, divani, poltroncine e tappeti spessissimi offrono ospitalità gratuita, oltre che film e teatro di qualità. Nel foyer immenso, c'è anche la libreria, un nucleo luminoso nella penombra della sala; un beacon, si direbbe inglese, un segnale di richiamo per allodole bibliofile. . . Segnalato da @realchicawonder . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm #book #london #nationaltheatre #beacon
Scriveva Susan Sontag a 14 anni: . Credo: a) che non esista un Dio personale né una vita dopo la morte b) che la cosa più desiderabile al mondo sia la libertà di essere fedeli a se stessi, vale a dire l'Integrità c) che la sola cosa che differenzi gli esseri umani sia l'intelligenza d) che il solo criterio per giudicare qualsiasi azione sia l'effetto ultimo che essa produce sulla felicità o l'infelicità dell'individuo e) che sia ingiusto privare un essere umano della vita [...] h) credo, inoltre, che uno Stato ideale debba essere forte e centralizzato, con il controllo governativo dei servizi pubblici, banche, miniere + trasporti e sovvenzioni delle arti, un salario minimo confortevole, il sostegno ai disabili e agli anziani. Assistenza statale alle donne incinte senza alcuna distinzione fra figli legittimi + illegittimi. . Era il 23 novembre 1947. Un libro pieno di spunti di riflessione, ma anche musica e letteratura. Un regalo bellissimo per lettori sofisticati. . #susansontag @edizioninottetempo #rinata . . . Letto da @agata.e.la.tempesta . . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm #book #diario #diary

I nostri cinguettii

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: