Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

#5libri per bibliomani

Siori e siore, venghino! Non lasciatevi scappare la Sagra del lettore!

Partiamo proprio da lui, il lettore. Il Vocabolario Treccani lo definisce: s. m. [dal lat. lector –oris, der. di legĕre «leggere», part. pass. lectus]. – 1. (f. –tricea. Chi legge, chi attende alla lettura o a una specifica lettura (spec. quando si voglia indicare l’impegno, l’attenzione, la disposizione d’animo di chi legge, o l’assiduità della lettura).

Animale strano, a volte poco sociale, lo si distingue perché si annoia facilmente. Del resto è abituato a vivere in modo pericoloso; passa con estrema facilità da un thriller mozzafiato, in cui deve trovare una via di fuga, a un romanzo storico in cui si trova avvinghiato tra misteri e intrighi, alla letteratura di viaggio dove deve sopravvivere ai ghiacci polari o alle steppe sconfinate, e così via. Quindi, ragazz*, quel tipo lì, quella tipa lì, quell* che vi piace, che vedete spesso pers*  in un libro, sappiatelo, è tutt’altro che noios*. Per aiutarvi meglio a capire con chi avete a che fare, ascoltatemi, leggetevi un po’ ‘sti libri.

 

 

 

La lettrice, Annie François

Sembra che il libro sia fuori catalogo, sicuramente lo troverete in qualche biblioteca. Lo lessi anni fa, ma ne ho un ricordo gradevole. In questo libro si parla delle manie dei lettori. Ricordando poco del libro, vi racconto le mie. Anni fa leggevo i libri e nessuno se ne accorgeva. Rimanevano intonsi, nessun segno, niente di niente. Poi ho iniziato a osare. Iniziai a segnare i paragrafi, le frasi, facendo piccole incisioni a lato. Quando scoprii che non le avrei mai ritrovate, passai alla violenza. Feci le orecchie ai libri. Sì, lo ammetto pubblicamente. Non me ne pento. Poi scoprii che i cinesi erano capaci di fare i post-it a poco prezzo. E quindi fu un rifiorir di pezzetti colorati che uscivano dal libro. Ora i miei libri sono un’accozzaglia di post-it, sottolineature e appunti. Di questo e d’altro parla La lettrice. Un libro in cui ritrovarsi. Ah, dimenticavo. I libri si prestano solo ad amici fidati, vero?

Piccolo dizionario delle malattie letterarie, Marco Rossari, ItaloSvevo edizioni

Beh, non serve che ve lo dica. Siamo tutti un po’ malaticci. Prima di tutto di acquisto compulsivo di libri che sappiamo non riusciremo mai a leggere. Poi perché li acquistiamo nonostante non ci sia più un millimetro di spazio in cui riporli. Se volete sapere di quale terribile malattia letteraria siete affetti, non potete fare a meno di avere questo piccolo libro, di cui avevo parlato anche qui.

Bibliofilia: forma di perversione erotica che spinge il paziente a trarre piacere dall’accumulo di polvere sopra libri intonsi.

Curarsi con i libri, Ella Berthoud – Susan Elderkin, Sellerio editore

Ahahahah! Scusate il momento di ilarità! Mi ricompongo subito. Dicevo, ecco un libro di “Rimedi letterari per ogni malanno”. Dalla A di Abbandono alla X di Xenofobia, passando per Insonnia, Rabbia, Vergogna, un manuale completo per curare ogni malattia con i libri. Dopo che avrete finito di leggerlo e di leggere i libri consigliati, riprendete in mano il Piccolo dizionario delle malattie letterarie.

Efemeridi, Cesare Catà – Aguaplano editore

Storie, amori e ossessioni di 27 grandi scrittori, dice il sottotitolo. Episodi della vita di scrittori e scrittrici che vanno da fine Settecento con Jane Austen fino a David Foster Wallace nel 2008. Piccoli racconti che aprono a nuove curiosità, nuove ricerche e letture.
Una nota sull’edizione. È bellissima. La rilegatura del dorso è a vista e il libro è stato legato con fili rossi. Da non perdere, soprattutto se tu, lettore, sei anche un esteta.

Vite che sono la tua, Paolo Di Paolo – Editori Laterza

Chiudo col libro di Paolo Di Paolo. È pieno di sottolineature e post-it. Non saprei come parlarvene se non in questo modo. Leggetelo. Vi sembrerà di non essere più soli, che quella insaziabilità, quella curiosità, era ansia di vivere “Vite che sono la tua”.

I pregiudizi ricevevano colpi quasi mortali. Lo spazio davanti agli occhi si allargava incredibilmente, caricandosi di possibilità. Questo, è stato leggere. Questo è. Fare entrare nella propria vita molte più persone di quelle che davvero riusciamo a incontrare per strada. Intrattenersi con bambini, adolescenti, adulti, vecchi, animali, con il mistero di ciascun vivente. E con il mistero delle cose, anche. Lasciarsi toccare da ogni esperienza, lasciarla depositare in noi. Avere quasi sempre le vertigini, per come si spalanca – leggendo – non solo lo spazio, ma il tempo.

“Psss, dico a te, sì, proprio a te! Sicur* di volerci aver a che fare, con persone così?”

Annunci

Informazioni su Agata (e la tempesta)

Prende il nome dal suo film preferito dove Agata è una libraia che incontra, tra gli scaffali, l'uomo della sua vita. Sarà che non è libraia, ma lei ancora non gli è sbattuta contro. Nel frattempo fa l'im-piegata - per sopravvivenza - e partecipa ad ogni corso le sbarri la strada, purché non faccia venire il fiatone. Così, da ex pianista, ex corista, passa per la calligrafia, la legatoria, il teatro, il clavicembalo. E, in tutti gli spazi possibili, vi infila i libri, con una netta predilezione per i classici. E tanti libri per bambini, che suo figlio - molto allegramente - snobba. Però la ama e la sostiene nel suo diventare adulta.

11 commenti su “#5libri per bibliomani

  1. polimena
    19/03/2018

    Post ispirato! Grazie dei consigli 😉

    Piace a 1 persona

  2. maria san
    19/03/2018

    Ma che bel #5libri! super! grazie!

    Piace a 1 persona

  3. stravagaria
    19/03/2018

    Wow! Bellissimo 😊

    Piace a 1 persona

  4. libra63clan
    19/03/2018

    Possiedo e consulto il n.3, il n.5 lo ho adocchiato da qualche tempo e vorrei comprarlo, gli altri non li conoscevo e mi incuriosiscono assai… quindi mille grazie!!!

    Piace a 1 persona

    • Agata (e la tempesta)
      19/03/2018

      Il 5 è veramente molto bello!

      Mi piace

  5. cazzeggiodatiffany
    19/03/2018

    Il 5 mi sa che lo compro! Ps. Io sono rimasta alle orecchie 🙈

    Piace a 1 persona

    • Agata (e la tempesta)
      19/03/2018

      Se vai dai cinesi, dai un’occhiata ai post it 😆

      Mi piace

  6. Pingback: #5libri per bibliomani — Parla della Russia – Millennial Beatnik

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19/03/2018 da in #5libri.

Le nostre foto

Una donna, di Annie Ernaux, @lormaeditore . Il libro dell'anno consigliato da @agata.e.la.tempesta . È stato un anno pieno di impegni e di soddisfazioni, che però mi hanno sottratto il tempo per leggere (ma non per comprare libri). Come mio solito ne ho iniziati molti, l’ingordigia letteraria non mi lascia scampo. Sono sicurissima che fra quelli che ho acquistato ci sarebbero altri libri dell’anno, uno fra tutti potrebbe essere il Diario di Susan Sontag (che genio!) della Nottetempo che mi ripropongo di finire durante i giorni di vacanza che mi aspettano. Altro libro che voglio citare è Pensando a mio padre, di Yan Lianke, anche questo edito da @edizioninottetempo . Un racconto sul rapporto col padre negli anni del Grande balzo in avanti, la miseria, la fame, ma anche la forza, il rimpianto e il perdono. Riguardando indietro le mie letture, quindi, eleggo a mio libro dell’anno Una donna di Annie Ernaux, uscito per i tipi de L’Orma Editore. I motivi li ho descritti nella mia recensione sul sito di Parla della Russia. Era da tanto che non piangevo chiudendo un libro. Chi ha perso la propria madre potrà capirmi. . . . #parladellarussia #libri #leggere #instabook #igerbooks #bookaddict #libridaleggere #bookworm #book #annieernaux #nottetempoedizioni #madri #cimettiamolafaccia
Il 16 dicembre del 2013 è nato il nostro blog Parla della Russia. Come da tradizione festeggeremo il nostro compleanno consigliandovi il libro migliore letto nel 2018. E ci mettiamo pure la faccia! In questo appuntamento annuale si mostrano anche i russi solitamente rintanati nel nostro gruppo segreto. Godeteveli tutti! E postateci nei commenti i vostri libri dell’anno. . . Iniziamo con Colson Whitehead, La ferrovia sotterranea consigliato da @adblues @edizionisur . "Mi ha preso, mi ha fatto sobbalzare il cuore, mi ha torto le viscere per l’indignazione e l’orrore e mi ha messo l’amaro in bocca facendomi riflettere che l’America giovane e schiavista non era poi tanto differente da quella di oggi." . . . #parladellarussia #libri #leggere #instabook #igerbooks #bookaddict #libridaleggere #bookworm #book #colsonwhitehead #laferroviasotterranea #statiuniti
Ogni anno, nel giorno del compleanno del blog Parla della Russia, consigliamo i nostri libri preferiti e Ci mettiamo la faccia. In attesa del 16 dicembre, stuzzicatevi l'appetito con la grande capa @ZaideNoll e il suo consiglio dello scorso dicembre 2017. . . . E’ stato un anno in cui ho letto poco rispetto ai miei standard, tra cui libri assolutamente dimenticabili, e anche libri bellissimi, tra cui Una vita come tante, La Ferrovia Sotterranea e Sangue Giusto, di cui si è ampiamente parlato qui. Per questo voglio dedicare questo post natalizio ad un librino che mi ha folgorato qualche giorno fa. Un libro per maniaci di libri (eccomi!) scritto da “un misterioso gruppo di esperti e maniacali lavoratori dell’editoria italiana”. E voi lo sapete che a me piacciono un sacco i maniaci! Nel libro troverete un po’ di tutto, dall’elenco dei vincitori dei principali premi letterari, agli incipit più belli della storia della letteratura. Il libro è bello, ha la copertina rugosa, le pagine color crema ed è un piacere sfogliarlo, tenerlo, regalarlo. . . Guida tascabile per maniaci dei libri Collana Beauborg, Editore Clichy Letto da @Zaidenoll . . @clichy_edizioni #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm #book
Un'autobiografia raccontata in terza persona sfogliando un album di fotografie, prima in bianco e nero e poi a colori. Il tessuto di un'esistenza personale e marcatamente femminile intimamente intrecciato al movimento fugace di una storia collettiva, quella dagli anni quaranta a oggi. Un vertiginoso elenco sociologico nel tentativo di "sauver quelque chose du temp ou l'on ne seraj plus jamais" . . . Letto da @pamelafragnoli . #parladellarussia #libri #leggere #instabook #igerbooks #bookaddict #libridaleggere #bookworm #book #annieernaux #autobiography

I nostri cinguettii

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: