Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Il Pittore Fulminato

Io che faccio della lettura una cosa bella della vita, della mia vita e di chi mi sta intorno resto sempre tanto stupita quando incontro la bellezza. Sì, perché la bellezza è cosa rara. I libri possono piacerci per millemila motivi. Perché in essi ci riconosciamo o perchè ignoriamo le situazioni che narrano, perché siamo affascinati dagli argomenti o perché sognamo di essere un personaggio, perché ci fanno ridere, o piangere o arrabbiare o ci spingono a guardarci dentro e scavare. In fondo, sempre perché ci aiutano a capire un po’ di più di noi e del mondo.

Un libro come Il pittore fulminato di César Aira è altro però. È un libro bello e basta. Quando uno scrittore raggiunge queste vette quasi temo di leggere altro di suo. Temo di scoprire che si è trattato di un caso nella sua esperienza artistica. Sì, perché in questo libro Aira raggiunge vette espressive rare. Vorrei conoscere bene lo spagnolo per leggerlo in originale.

La sapienza linguistica espressa in questo romanzo breve, è davvero un dono per il lettore.

La storia è semplice. Si tratta della biografia di Johann Moritz Rugendas pittore tedesco del XIX sec. dedito all’espressionismo naturalista ante-litteram. Una sorta di avanguardia, quando le avanguardie non si sapeva cosa fossero, salvo che Rugendas sulle orma del suo maestro crede di essere un accademico tradizionale.

La sua vita è segnata da un fulmine che a ciel sereno lo colpisce e ne fa un essere menomato nell’aspetto e quindi completamente concentrato all’interno di se stesso e all’esterno verso la natura madre arcigna che lo ha colpito. Il libro si presenta come un ibrido tra biografia e diario di viaggio. Rugendas infatti nella prima metà dell’800 ha percorso gran parte del Brasile e dell’Argentina alla ricerca di paesaggi e soggetti naturalistici da dipingere. E al lettore sembra di essere lì, con lui. Anzi sembra di vedere attraverso la sua vista i paesaggi che poi dipinge, la gente che incontra, gli Indios in guerra e i contadini della pampa, i fazenderos e le loro ville meravigliose, le sterminate solitudini della forseta o della Pampa.

Aira riesce in una cosa che raramente ho incontrato: descrivere con la parola altre arti, in questo caso la pittura. Gli unici esempi che mi vengono in mente realmente riusciti sono Il mio nome è Rosso di Orhan Pamuk sempre nel campo delle arti figurative e Il Faustus di Mann per il campo musicale. Non so se capite chi ho scomodato. Mann per me è l’apoteosi letteraria. E con Pamuk l’analogia è particolarmente calzante. Come gli incisori turco-arabo-persiani del XVII sec. cercavano l’ideale immaginario per non offendere la creazione divina, così Rugendas riduce in prototipi i casi naturalistici per una sorta di tassonomia espressiva che agevoli l’artista.

In questo libro si ritrova una tale conoscenza della lingua e della narrazione da restituire proprio il processo creativo e la concretezza espressiva dell’immagine dipinta. Il libro è rilevante proprio per questo aspetto. A questo punto credo sia d’obbligo una nota di merito per la traduzione curata da Raul Schenardi. Senza una traduzione adeguata la bellezza di questo testo sarebbe andata perduta. Perché è uno di quei libri in cui non è importante cosa si narra ma come la si narra.

 

Consigliato: se siete in cerca di qualcosa che vi riconcili con la bellezza. Il libro è talmente breve che scorre via in un soffio e sarete lì a rimpiangere che non duri altre 300 pagine almeno

Sconsigliato: proprio no!

Autore: César Aira
Casa Editrice: Fazi editore
Traduzione: Raul Schenardi
Prezzo di copertina: 16,00€

Annunci

Informazioni su Tatiana Larina

russa per vocazione, dedica ogni minuto libero a leggere qualsiasi cosa le passi a vista da arabi, persiani e indiani a scandinavi e russi, dai diari di viaggio alle saghe familiari e fantasy con un debole dichiarato per l‘italiano puro. Non che disprezzi chick-lit, fantasy e gialli da strapazzo, ma per carità non propinatele spazzatura spacciata per capolavori. Mamma e ricercatrice, dopo un decennio o più a girare per trovar chi sa cosa, è arrivata alla conclusione che un libro come si deve ti porta più lontano del ‘Millennium Falcon’.

5 commenti su “Il Pittore Fulminato

  1. vhreccia
    14/03/2018

    Splendida recensione, restituisce appieno la bellezza del libro e cosa è importante coglierne: la parte in cui spiega che attraverso la pittura fisiognomica si possa capire economia, storia, evoluzione di un certo posto è fenomenale.
    È un libro frastornante: parte lento come una cavalcata a dorso di mulo, finisce rapido come una galoppata in sella ad un elettrico destriero, ti risucchia nella spirale del malòn e ti lascia senza fiato.
    Tutto il libro è un unico grande climax: gli stati alterati che arriva a vivere Rugendas, il livello quali-quantitativo che raggiunge la sua produzione artistica…gran libro, che voglia di sbirciare sotto quella nera mantilla.

    Piace a 2 people

    • Tatiana Larina
      15/03/2018

      Vhreccia sai che condivido pienamente quanto hai scritto e che completa la mia recensione (assolutamente parziale!!! )

      Piace a 1 persona

  2. Un post bellissimo a cui si aggiunge il bel commento di Vhreccia. E io ho bisogno di riconciliarmi con la bellezza. Lo cerco.

    Piace a 2 people

    • Tatiana Larina
      15/03/2018

      sì, questa rece non è a quattro mani solo per una sfortunata coincidenza… Grazie 1000

      Mi piace

  3. maria san
    16/03/2018

    fai proprio venir voglia di leggerlo questo libro e di assaggiare con la lettura un po’ di sana bellezza che fa tanto bene al cuore e allo spirito.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Le nostre foto

Una donna, di Annie Ernaux, @lormaeditore . Il libro dell'anno consigliato da @agata.e.la.tempesta . È stato un anno pieno di impegni e di soddisfazioni, che però mi hanno sottratto il tempo per leggere (ma non per comprare libri). Come mio solito ne ho iniziati molti, l’ingordigia letteraria non mi lascia scampo. Sono sicurissima che fra quelli che ho acquistato ci sarebbero altri libri dell’anno, uno fra tutti potrebbe essere il Diario di Susan Sontag (che genio!) della Nottetempo che mi ripropongo di finire durante i giorni di vacanza che mi aspettano. Altro libro che voglio citare è Pensando a mio padre, di Yan Lianke, anche questo edito da @edizioninottetempo . Un racconto sul rapporto col padre negli anni del Grande balzo in avanti, la miseria, la fame, ma anche la forza, il rimpianto e il perdono. Riguardando indietro le mie letture, quindi, eleggo a mio libro dell’anno Una donna di Annie Ernaux, uscito per i tipi de L’Orma Editore. I motivi li ho descritti nella mia recensione sul sito di Parla della Russia. Era da tanto che non piangevo chiudendo un libro. Chi ha perso la propria madre potrà capirmi. . . . #parladellarussia #libri #leggere #instabook #igerbooks #bookaddict #libridaleggere #bookworm #book #annieernaux #nottetempoedizioni #madri #cimettiamolafaccia
Il 16 dicembre del 2013 è nato il nostro blog Parla della Russia. Come da tradizione festeggeremo il nostro compleanno consigliandovi il libro migliore letto nel 2018. E ci mettiamo pure la faccia! In questo appuntamento annuale si mostrano anche i russi solitamente rintanati nel nostro gruppo segreto. Godeteveli tutti! E postateci nei commenti i vostri libri dell’anno. . . Iniziamo con Colson Whitehead, La ferrovia sotterranea consigliato da @adblues @edizionisur . "Mi ha preso, mi ha fatto sobbalzare il cuore, mi ha torto le viscere per l’indignazione e l’orrore e mi ha messo l’amaro in bocca facendomi riflettere che l’America giovane e schiavista non era poi tanto differente da quella di oggi." . . . #parladellarussia #libri #leggere #instabook #igerbooks #bookaddict #libridaleggere #bookworm #book #colsonwhitehead #laferroviasotterranea #statiuniti
Ogni anno, nel giorno del compleanno del blog Parla della Russia, consigliamo i nostri libri preferiti e Ci mettiamo la faccia. In attesa del 16 dicembre, stuzzicatevi l'appetito con la grande capa @ZaideNoll e il suo consiglio dello scorso dicembre 2017. . . . E’ stato un anno in cui ho letto poco rispetto ai miei standard, tra cui libri assolutamente dimenticabili, e anche libri bellissimi, tra cui Una vita come tante, La Ferrovia Sotterranea e Sangue Giusto, di cui si è ampiamente parlato qui. Per questo voglio dedicare questo post natalizio ad un librino che mi ha folgorato qualche giorno fa. Un libro per maniaci di libri (eccomi!) scritto da “un misterioso gruppo di esperti e maniacali lavoratori dell’editoria italiana”. E voi lo sapete che a me piacciono un sacco i maniaci! Nel libro troverete un po’ di tutto, dall’elenco dei vincitori dei principali premi letterari, agli incipit più belli della storia della letteratura. Il libro è bello, ha la copertina rugosa, le pagine color crema ed è un piacere sfogliarlo, tenerlo, regalarlo. . . Guida tascabile per maniaci dei libri Collana Beauborg, Editore Clichy Letto da @Zaidenoll . . @clichy_edizioni #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm #book
Un'autobiografia raccontata in terza persona sfogliando un album di fotografie, prima in bianco e nero e poi a colori. Il tessuto di un'esistenza personale e marcatamente femminile intimamente intrecciato al movimento fugace di una storia collettiva, quella dagli anni quaranta a oggi. Un vertiginoso elenco sociologico nel tentativo di "sauver quelque chose du temp ou l'on ne seraj plus jamais" . . . Letto da @pamelafragnoli . #parladellarussia #libri #leggere #instabook #igerbooks #bookaddict #libridaleggere #bookworm #book #annieernaux #autobiography

I nostri cinguettii

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: