Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

American Widow(s)

american widowLa prima volta che l’ho visto in libreria, mi sono detta: un altro graphic novel con un titolo a effetto.

Poi, però, il giorno dopo sono tornata apposta a comprarlo.

 

Nero – ciano – bianco

Il lacerante racconto autobiografico di una vedova americana, una vedova dell’11 settembre 2001: era questo, solo questo che, dolorosamente, credevo avrei trovato fra le pagine, facendo la conoscenza di Eddie, che ha preferito andare incontro alla morte piuttosto che attenderla, lanciandosi giù da una delle Torri gemelle, al suo secondo giorno di lavoro al World Trade Center, e di sua moglie Alissa, condannata dalle circostanze e dal suo stesso senso di dignità a uno strazio quotidiano e a una maternità solitaria.

Credevo di affacciarmi soltanto su un lutto privato, riverberato nella tragedia di una nazione. E invece.

 

Ciano – nero – bianco

E invece, e anche, sono inciampata in aiuti alle famiglie delle vittime gestiti in maniera discutibile; cari accusati di sciacallaggio economico e mediatico; visite guidate alle discariche che ospitano le macerie di Ground Zero, con tanto di souvenir in omaggio; polemiche contro i messicani e i clandestini; accanimento dei mezzi di informazione; facile retorica patriottica; e molto altro ancora.

 

Nero – bianco – ciano

Conclusa la lettura ho pensato: forse, in fondo, l’American Widow non è allora (solo) Alissa, ma l’America, la federazione degli Stati Uniti, come la protagonista, mutilata, sfregiata, richiusa su di sé e traboccante di rabbia. La stessa –  sono banale, lo so – del sogno americano a rovescio (non a caso, Eddie, colombiano, muore nell’esatto momento in cui lo realizza), dei mesi di paura, dei bombardamenti in Afghanistan. Una vedova che, a differenza di Alissa, sembra non volersi concedere tregua, non contare i secondi che dividono la morte dalla vita, non domandarsi mai: “e se… ?”.

 

Bianco – ciano – nero

* * *

Alissa Torres, Sungyoon Choi, American Widow (trad. di A. Aglietti, Rizzoli Lizard, 2008)

Annunci

Un commento su “American Widow(s)

  1. L776.us
    03/01/2018

    Já Title Tag pode ser maior. Ii). Isso é essencial.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18/10/2017 da in #graphicnovel, Fumetti con tag , , , , .

Le nostre foto

La libreria di un'archeologa🏺🏛️ @burekeater . . . Siete curiosi di sapere quali libri di narrativa si nascondono fra le pubblicazioni di scavi e i cataloghi di cocci che popolano la libreria di un archeologo? Un grande classico che ha appassionato generazioni di addetti ai lavori è Murder in Mesopotamia (tradotto in italiano con Non c'è più scampo) scritto dalla nostra amata Agatha Christie. La scrittrice era sposata con il celebre archeologo Max Mallowan con il quale intraprese numerosi viaggi di ricerca e scavi in Medio Oriente. Gli altri titoli li potete scoprire nel nostro blog alla voce #5libri da archeologi . . . #parladellarussia #libri #leggere #instabook #igerbooks #bookaddict #libridaleggere #bookworm #book #shelfie #archaeology #agathachristie
Antonio Manzini, Fate il vostro gioco @sellerioeditore . . Impazza la #SchiavoneMania e il giorno dell’uscita di questo sesto episodio della serie, abbiamo fatto a gara per accaparrarci il tomo in giornata e, se possibile, finirlo in giornata. E non è stato difficile, perché ormai è come andare a trovare un vecchio amico, chiedergli come sta, fare due chiacchiere. E il povero Rocco è depresso: dopo i fatti dell’ultimo volume, che ovviamente non posso raccontare, un materasso di angoscia pesa sul cuore del Vicequestore. Teme di aver perso gli amici, che si sa, per lui sono fondamentali. L’amore è ancora  una volta un grumo di sofferenza. In più, anche le persone intorno a lui non se la passano troppo bene. . . Trovate la recensione completa di @zaidenoll sul nostro blog al link in biografia . . . #parladellarussia #libri #leggere #instabook #igerbooks #bookaddict #libridaleggere #bookworm #book #bookmyself #selfie #roccoschiavone #antoniomanzini #sellerio #aosta
Lev Trotsky scrisse История русской революции (Storia della Rivoluzione Russa) mentre si trovava in esilio in Turchia. Composta tra il 1929 e il 1932, è considerata un classico della storiografia marxista. Il primo volume è dedicato alla storia politica della rivoluzione di febbraio, il secondo a quella di ottobre. . . . #parladellarussia #libri #leggere #instabook #igerbooks #bookaddict #libridaleggere #bookworm #book #ottobre #rivoluzionerussa #russia #marxism
Anche se la mosca vola questo non fa di lei un uccello ( Alain Mabanckou, Memorie di un porcospino) . . . #parladellarussia #libri #leggere #instabook #igerbooks #bookaddict #libridaleggere #book #socialbookday #66thandthe2nd #africanliterature #bookstagram #continuiamoaleggere #libriBelli #toscana #autunno

I nostri cinguettii

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: