Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Il ritorno. Padri, figli e la terra fra di loro

RECEFreud amava paragonare la psicoanalisi all’archeologia: si dissotterrano i resti di un passato sepolto a grande profondità e nel combinarli con altri elementi si mettono insieme tutti i pezzi e si ricostruisce una storia, la propria storia.

Il ritorno è uno scavo archeologico, in cui strato dopo strato Matar arriva al terreno vergine, alla sua verità, a capire se stesso, a metabolizzare il suo dolore. Il romanzo autobiografico si muove fra la Libia di Gheddafi e i luoghi della diaspora della famiglia Matar, soprattutto l’Egitto e l’Inghilterra, e scoperchia per il lettore il vaso di Pandora della brutale politica della dittatura e del suo torbido rapporto con le democrazie occidentali. Il ritorno è un libro doloroso, dove si piange spesso, per empatia verso Matar, ma anche perché tutta l’opera funziona da specchio del proprio rapporto con il padre e con le proprie radici. L’identità di Matar e del lettore si discute e si smonta pezzo per pezzo e si ricostruisce tante volte, e non è mai scontata. Il disagio e il senso di colpa di chi ha subito la dittatura da lontano, senza sopportare decenni di incarcerazione, di torture e di privazioni ma è sopravvissuto soffrendo profondamente per i propri cari, primo fra tutti il proprio padre accompagnano la lettura fino al finale. Il dolore rimane, è impensabile che sparisca, ma ora le sue cause e le sue sfumature sono chiare, è un dolore consapevole e quindi più sopportabile.

Titolo: Il ritorno
Autore: Hisham Matar
Editore: Einaudi
Pag.: 256
Prezzo: € 19,50
ISBN 9788806216641

Annunci

Informazioni su burekeater

Viaggia sempre e comunque, in autobus, a piedi o stando ferma con un libro in mano. La sua metà balcanica l'ha costretta a mischiare archeologia e scienze politiche riuscendo addirittura a farne una professione.

3 commenti su “Il ritorno. Padri, figli e la terra fra di loro

  1. E’ uno dei miei autori preferiti che ho recensiti.

    Liked by 2 people

  2. polimena
    21/06/2017

    Questo è in lista per l’estate!!

    Liked by 1 persona

  3. Sabato mattina di agosto, le sette, la casa dorme ancora, la tempesta sui monti è passata. È fresco.
    Chiudo il libro sui ringraziamenti a “Il ritorno” di Hisham Matar.
    Ho bisogno di qualche minuto per realizzare che l’ho davvero finito, dopo giorni passati tra la Libia e Londra, Nairobi, il Cairo, alla ricerca e alla scoperta.
    Questo libro non è solo grande letteratura.
    È la storia di persone che insegnano, con il loro semplice esistere, una vita ricca, dignitosa, onesta, capace di scelte morali e capace di apprezzare la bellezza.
    È storia, è paesaggio, è politica, è guerra, è filosofia, è amicizia, è amore.
    E allora ho anche io da ringraziare.
    Grazie Hisham Matar, per aver scritto.
    E grazie Burekeater per questa bellissima recensione!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 21/06/2017 da in Ora in libreria.

Seguimi su Twitter

Ultimi commenti

Agata (e la tempesta… su Georgia
ariafelice su Georgia
burekeater su Il sole dei morenti
Cristina Diaxasso Se… su Il ritorno. Padri, figli e la…
Agata (e la tempesta… su Georgia
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: