Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Quando DiCaprio scroccava sigarette. Storie e leggende degli anni 90.

SittaHo comprato il libro ieri e l’ho letto tutto d’un fiato dalla prima all’ultima riga. E mi è preso un colpo. Quando l’ho finito ho pensato: “ma come abbiamo fatto a sopravvivere a tutto questo?” seguito da attimi di puro terrore pensando ai miei due figli e immaginandomeli adolescenti. Leggere la prima metà del libro di Enrico Sitta è stato come leggere la mia biografia, non in senso metaforico però, perché in parecchie occasioni anche io ero lì. Il cazzo di concerto mancato dei Rage Against the Machine con tutta la sua umida frustrazione e, soprattutto, l’occupazione dell’Orazio. Ancora mi chiedo come diavolo facessi a dormire lì e ad andare a scuola mia il giorno dopo. Per un’intera settimana. I misteri dell’adolescenza. Conservo ancora le foto scattate durante una di quelle notti e prima o poi, chissà, le tirerò fuori e le condividerò con Enrico e i suoi lettori.  Alcuni episodi li conoscevo dai racconti di persone a me oltremodo care. E mi sono resa conto, leggendo questo libro a distanza di due decenni abbondanti, che i fatti in questione erano davvero accurati. Insomma, mi sono fatta parecchie risate, dato che la quasi totalità dei personaggi li conosco di persona. Quello che mi ha sorpreso del libro è il passaggio dal periodo del liceo a quello dell’università, proprio per tracciare una linea schematica. Mi è sembrato che mancasse qualcosa, degli elementi di raccordo fra un periodo e l’altro. Ho pensato a quello che questo passaggio avesse significato per me e ho constatato che questi elementi mancano anche al racconto della mia vita. Forse uscire dalla dimensione del nostro agglomerato di quartieri, l’allora Quarta circoscrizione, e dalla nostra “comfort zone” fatta di centri sociali e delle persone che li popolavano, ci costrinse a interagire anche con persone totalmente diverse da noi, o forse, molto più verosimilmente, siamo cresciuti e basta. Diventi “grande” senza nemmeno rendertene conto, da un anno all’altro. Il 2001, l’estate surreale del G8 e dello scudetto della Roma raccontati nell’epilogo del libro hanno segnato molte persone della nostra generazione e del nostro ambiente. Ricordo che assistetti ad entrambi come spettatrice passiva, dal mio posto di lavoro al bancone dei gelati e delle crepes di una popolare festa estiva romana di quel tempo, Invito alla lettura. Un’occasione offerta alle librerie romane per liberare i magazzini dall’invenduto camuffata da iniziativa culturale a basso costo per chi d’estate rimaneva a Roma. Dopo quell’estate anche il mio mondo non fu più lo stesso.

Vi consiglio la lettura di questo libro? A chi c’era sì, assolutamente, per gli altri non ho una risposta. Il mio punto di vista è assolutamente parziale perché leggere Quando DiCaprio scroccava sigarette è stato come guardare attraverso lo specchio me stessa adolescente e poi ventenne. Mi è piaciuto molto questo viaggio indietro nel tempo e nello spazio. A voi piacerà? Ci vedrete le stesse cose che ci ho visto io? Leggete e fatemi sapere, e non dimenticate di alzare il volume a palla.

Annunci

Informazioni su burekeater

Viaggia sempre e comunque, in autobus, a piedi o stando ferma con un libro in mano. La sua metà balcanica l'ha costretta a mischiare archeologia e scienze politiche riuscendo addirittura a farne una professione.

2 commenti su “Quando DiCaprio scroccava sigarette. Storie e leggende degli anni 90.

  1. Maga
    01/05/2017

    Devo proprio leggerlo, ho il ricordo di Di Caprio che giocava un una sala giochi a piazza pio XI. Aaaah che nostalgia

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29/04/2017 da in Letteratura italiana, Viaggi e miraggi.

Seguimi su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: