Non scrivere di me

Se dovessi definire con una parola questo bel libro di Livia Manera Sambuy, non potrei che scegliere "sorprendente". Da una giornalista letteraria che scrive di libri e di scrittori, ci si aspetterebbe probabilmente una raccolta di articoli e interviste. Questo libro invece è più di una raccolta di ritratti di scrittori, è un libro di "racconti... Continue Reading →

Annunci

Harry Potter and the Cursed Child (e la Maledizione dell’Erede)

È come il sogno di una notte di mezza estate. È come se natale fosse venuto con il solleone. È come se il giorno prima della fine delle ferie ti dicessero che hai un mese in più. È come se avessi a disposizione una giratempo e la potessi usare a piacimento (eheheh, non spoilero giuro).... Continue Reading →

#5libri che mi danno sui nervi

A meno che io non sia disperatamente collerica, immagino di non essere la sola ad avere una "lista nera" di libri, di cui solo a sentire i titoli mi viene l'orticaria. Ho deciso quindi di condividere con voi la mia insofferenza, ma vi avviso in anticipo: se avete amato questi libri, state alla larga da questo... Continue Reading →

La scuola cattolica

"Non capiamo gli altri. Forse non abbiamo la pazienza necessaria a farlo. Li giudichiamo frettolosamente, goffamente, ci resta ancora tanto da sapere, così tanto da soffrire e da godere, mentre siamo qui gettati, nel numero, nel tempo, nelle dimensioni, nelle ristrettezze di una mente sola." La Scuola Cattolica ha vinto il Premio Strega 2016. La scuola... Continue Reading →

#5libri brevi come un sospiro

Bello era bello e mi innamorai del suo viso d'angelo nel 1973, da bambina, guardando "La bellezza del diavolo". Fu un colpo di fulmine e un amore senza fine che dura ancora oggi. Su Gerard Philipe possiedo un libro di fotografie che comprai a Parigi e il piccolo grande libro che dà il titolo al #5libri... Continue Reading →

Yeruldelgger – Morte nella steppa

Me ne sto seduta ad un tavolino, in un bar. Il cameriere si avvicina e mi chiede cosa prendo. Gli rispondo che sto aspettando una persona. "Vengo dopo, allora", dice e io "Sì, grazie". Volevo scrivere qualcosa su questo libro, ma mi trovo proprio in difficoltà. Ho quindi pensato di parlarne con Polimena, che ha appena... Continue Reading →

Musica Rock da Vittula

Lapponia svedese, anni settanta. Nel piccolo sobborgo della cittadina di Pajala, “Vittulajänkkä, che tradotto vorrebbe dire la Palude della Passera” si incontrano due ragazzini: il taciturno Niila e Matti. Si studiano a distanza poi infilano un dito nel naso, ne tirano fuori una caccola e se la mangiano. Quello è il segnale: diventeranno amici. Così... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑