Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Isole Minori

51yz3O+SxRL._SY346_Isole Minori ovvero tutte quelle isole piccole in cui vivere è difficile per tutto l’anno. Da ottobre a maggio perché se non si ama la solitudine quasi totale, si rischia di diventar matti dall’isolamento, dalla mancanza di persone, limitate ad un cerchio ridottissimo, dalla carenza di quasi tutto tranne la natura e il silenzio. Da giugno a settembre si rischia comunque di diventar matti perché abituati al nulla, ci si trova catapultati in un inferno di turisti, una folla di cittadini che schiamazzano, sciamano e snaturano questi piccoli gioielli che sono le nostre isole del Mediterraneo.

Isole Minori è ambientato all’Isola del Giglio. Il libro lo abbiamo letto in diversi russi ma Nemi ha espressamente delegato me alla recensione perché si dà il caso che io questa isola la conosca molto bene, che abbia a che fare con gigliesi veri e meno veri: quelli che hanno deciso di trascorrere la vita lì, rimpiangendo sempre “il continente” ma con il cuore diviso quando dallo loro Isola sono lontani; quelli che nonostante non siano “di Giglio” al Giglio sono legati come la loro vera patria, che qui si rigenerano, che trovano nel suo mare, sulle sue spiagge, nei vicoli del Castello, nei bar del Campese, nelle case colorate del Porto l’unico posto dove essere davvero se stessi.

Allora veniamo al libro, senza rischiare spoiler, è la storia di una donna che racconta la sua vita e la vita della sua famiglia sull’Isola fino ad una certa età e poi sul continente, con un finale di ritorno nostalgico. L’innesto narrativo è dato dall’episodio storicamente fondato dell’arrivo “in Giglio” di dei due condannati per la strage di Piazza Fontana, in una sorta di confino, osteggiato dagli abitanti dell’Isola. La chiusura della storia è data dalla sciagura che questa Isola ha colpito solo pochi anni fa (inutile citarla, è stata lungamente agli onori della cronaca e ha reso questo incanto di natura la meta di macabre gite finalizzate a scattare selfie con sfondo una gigantesca, enorme bara a cielo aperto). La linea narrativa è duplice, in una sovrapposizione tra Isole Minori e Sorelle Minori. La protagonista, voce narrante, è la seconda di due sorelle, la maggiore volitiva, determinata, diretta verso la realizzazione. La seconda persa all’ombra della prima, trascinata dagli eventi che arriva alla propria consapevolezza solo alla fine del libro. Si può definire in parte un libro di formazione, nel senso moderno (non vi aspettate turbamenti alla Musil, ma funziona!). Il rapporto complesso con l’Isola è proprio della protagonista che lo vive come luogo di struggente nostalgia annidata nei ricordi di una infanzia felice, della famiglia unita, della gioia della libertà che solo un bambino cresciuto su una piccola isola può conoscere. C’è il senso di liberazione al primo distacco che di solito per i gigliesi avviene prestissimo. A 14 anni si trasferiscono sul continente per frequentare il liceo, crescendo con una rapidità impensabile. C’è la delusione per questo mondo che sembrava infinito, invece si rivela solo meschino. C’è il bisogno continuo del ritorno. C’è la scelta compiere i passi importanti della propria vita sull’Isola.

Bello il racconto della storia dei genitori, storia molto frequente sull’isola. Chi vive su un isola ha in sé un che di selvaggio e non cede alla convenzioni, non resiste ai propri desideri, agli impulsi. La gente dell’Isola è meno ipocrita, forse più crudele.

L’incanto delle isole minori lo hanno raccontato in molti. Ricordate con quanta maestria il Simenon del Clan dei Mahé racconta la metamorfosi del dott. Mahè a Porquerolles o di come (sempre a Porquerolles) Maigrer si perda e si ritrovi (Il Mio Amico Maigret)?

Le piccole isole del Mediterraneo sono così: luoghi isolati nello spazio e nel tempo dove è facile perdersi nel rinnovarsi di stagioni sempre uguali tra di loro. Più che in altri luoghi vacanzieri, c’è uno zoccolo duro di villeggianti che ritornano per decenni e che intrecciano con la popolazione locale, avida di compagnia, relazioni stabili. Per chi sceglie un’isola minore, il bisogno primario non è il divertimento ma l’evasione da se stessi. È un viaggio ma senza il rischio dell’avventura. Le isole minori cambiano poco, restano fedeli a se stesse, non hanno bisogno di resort o grandi intrattenimenti, piacciono nella loro (purtroppo spesso abusata) semplicità.

Ecco nel libro ritrovate tutti questi ingredienti. Devo essere sincera: non riesco ad essere obiettiva sulla Pieri. E’ ben scritto (sebbene sempre e comunque in prima persona, che anche basta… ma lo sapete come la penso in proposito), i tempi narrativi sono giusti, la trama non riserva sorprese ma non annoia. Solo che io l’ho letto con il cuore. Ho riconosciuto in questo libro la storia e le storie di amici, parenti, conoscenti, di alcune persone che amo, che mi hanno portata su questa isola e che senza questa isola non possono vivere. Ho letto la descrizione delle estati dell’infanizia e dell’adolescenza della protagonista come le ho immaginate dai racconti dei miei. Ho visto la passione per questi luoghi, il rifugiarsi in questi posti. Mi sono riconosciuta un po’ anche io nel bisogno di quiete fuori stagione, nelle fughe di chilometriche nuotate verso spiaggette isolate, giri in barca in cui il torpore provocato dal sole diventa smania, passeggiate sulle alture a raccogliere more dopo la pioggia, tramonti che ti struggono. Nel libro sono citati personaggi reali dell’Isola: come non ricordare il mitico proprietario del baretto al Castello, chiuso a novembre del 2015 dopo decenni di onorata attività, dove gigliesi veri e acquisiti hanno trascorso le loro notti, abbarbicati sulle scale delle vie, annebbiati dai fumi dell’Ansonaco o della Sambuca, a cantare canzoni popolari dell’Isola (un vero patrimonio culturale), a raccontare storici aneddoti, a intessere intense passioni consumate in un tramonto.

Sì, il libro per me è bello, ma per una volta Tatiana (che comunque qui si sente a volta soffocare, visto che è abituata agli spazi di Pietroburgo) cede il passo al cuore e vi consiglia di leggere un libro “leggero” ma piacevole. Mentre scrivo questa recensione, sono seduta in giardino con la meraviglia della baia del Campese, il mare di quel colore tra lo smeraldo e lo zaffiro, le alture interno, il Faraglione a chiudere
un lato, la Torre Medicea a chiudere l’altro, Montecristo e la Corsica sullo sfondo.

Manco a dirlo, con questo libro partecipo alla #readingchallenge2016 per la categoria #esordienteitaliano

READING CHALLENGE 2016

Consigliato: agli amanti delle storie belle, alle donne, a quei membri della famiglia che cercano la propria identità. Agli amanti delle isole piccole, sicuramente. Piangerete a leggerlo

Sconsigliato: non trovo motivi per non leggerlo, certo i luoghi comuni ci sono e tornano spesso, quindi se non li amate, lasciate perdere

Annunci

Informazioni su Tatiana Larina

russa per vocazione, dedica ogni minuto libero a leggere qualsiasi cosa le passi a vista da arabi, persiani e indiani a scandinavi e russi, dai diari di viaggio alle saghe familiari e fantasy con un debole dichiarato per l‘italiano puro. Non che disprezzi chick-lit, fantasy e gialli da strapazzo, ma per carità non propinatele spazzatura spacciata per capolavori. Mamma e ricercatrice, dopo un decennio o più a girare per trovar chi sa cosa, è arrivata alla conclusione che un libro come si deve ti porta più lontano del ‘Millennium Falcon’.

Un commento su “Isole Minori

  1. Pingback: La ReadingChallenge2016 di Tatiana Larina | Parla della Russia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13/08/2016 da in #esordienteitaliano, Ora in libreria, Reading challenge.

Seguimi su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: