Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Shah-in-Shah

imagesComprai questo libro in occasione di un viaggio studio nell’Irlanda del Nord nell’ottobre 2005, come ho potuto verificare da un biglietto dell’autobus lasciato fra le sue pagine. Questi 10 anni fanno entrare a pieno titolo Shah-in-Shah nella categoria #bastacoltsundoku della #readingchallenge2016.

Il libro racconta l’ascesa e la caduta dell’ultimo Shah di Persia, la sua vita, il suo regno segnato dallo stridente contrasto fra la ricchezza della sua corte e l’estrema povertà del suo popolo, la repressione del dissenso nel sangue, il clima di tensione, i servizi segreti e le torture, la dittatura, l’ascesa dell’Iran grazie al petrolio e le dubbie relazioni dello Shah con gli Stati Uniti e i paesi europei. Il libro si chiude con la descrizione della rivoluzione e dei primi incerti passi dell’Iran in una nuova dimensione politica, quella della repubblica islamica guidata da Khomeini.

Kapuscinski è un reporter, e le descrizioni di taglio giornalistico degli avvenimenti politici e dei loro protagonisti sono senza dubbio il punto forte del libro. Il capitolo Fogli, facce, campi in fiore è, insieme alla prima metà del capitolo seguente Dagherrotipi, a mio avviso la parte migliore del libro. La seconda parte mi ha, a tratti, annoiata. Soprattutto le parti più interpretative di Shah-in-Shah, quelle in cui l’autore cerca di spiegare le caratteristiche del popolo iraniano attraverso la sua storia. A mio parere queste parti hanno delle note di determinismo storico, e qui si vede chiaramente che Kapuscinski non è uno storico ma un giornalista. O meglio, probabilmente lo storico ha ceduto qui il posto allo scrittore.

Le ultime due pagine di Shah-in-Shah ospitano l’incontro dell’autore con il signor Firdusi, chiamato così dal nome della via nella quale vende tappeti dedicata al più grande dei poeti persiani:

Che cosa abbiamo dato al mondo? La poesia, la miniatura e il tappeto.

Attraverso il Firdusi venditore di tappeti, Kapuscinski fa forse parlare l’anima stessa del popolo iraniano impersonata dal Firdusi poeta. I persiani sono stati capaci di restare tali per 2500 anni grazie alla propria forza spirituale, alla poesia e alla religione.

Consiglio la lettura di Shah-in-Shah soprattutto a chi ha una conoscenza poco approfondita dell’Iran e della rivoluzione che nel 1979 ha portato Komehini al potere.

Reading Challenge 2016

Titolo: Shah-in-Shah
Autore: Ryszard Kapuscinski
Anno di pubblicazione: 1982

Annunci

Informazioni su burekeater

Viaggia sempre e comunque, in autobus, a piedi o stando ferma con un libro in mano. La sua metà balcanica l'ha costretta a mischiare archeologia e scienze politiche riuscendo addirittura a farne una professione.

2 commenti su “Shah-in-Shah

  1. Tatiana Larina
    08/03/2016

    questo mi manca, devo assolutamente leggerlo!! Kapuscinski vale la pena sempre ma questo del gioco su Firdusi mi piace da morire

    Liked by 2 people

  2. burekeater
    08/03/2016

    A parte il capitolo sul popolo iraniano che non mi è piaciuto per nulla è un bel libro

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 08/03/2016 da in #bastacoltsundoku, Reading challenge, Russi senza frontiere.

Seguimi su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: