Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Stoner

Unknown

Figlio unico di contadini, iscritto alla facoltà di Agraria nella speranza di un miglioramento delle condizioni lavorative famigliari, William Stoner grazie all’incontro con Shakespeare (Shakespeare le parla attraverso tre secoli di storia, Mr Stoner. Riesce a sentirlo?. Cosa le sta dicendo, Mr Stoner? Cosa significa questo sonetto?), devia il corso di studi, allontanandosi irrimediabilmente da una vita di terra e fatica e anche dai genitori che gli diventeranno estranei.
L’incontro con il mentore Professore Sloane lo introduce a quella che diventerà la passione della sua vita (“Ma non capisce, Mr Stoner?», domandò: «Non ha ancora capito? Lei sarà un insegnante».)

Stoner attraversa gli anni dell’Università quasi in solitudine, ha pochissimi amici e nessuna relazione sentimentale o sessuale, vive praticamente da eremita, dedicandosi esclusivamente allo studio della letteratura.

Questa routine subisce un’interruzione nel momento in cui W. Stoner si innamora. E accade con la prima donna che incontra e che sposa quasi immediatamente.
Il matrimonio reale è diverso dall’immaginato e la dolcezza della moglie un ricordo, prontamente sostituita da odio e ripicche. E infiniti malesseri.
Gli unici episodi di felicità famigliare sono costituiti dal rapporto con la figlia, momenti di tenerezza e dolcezza esclusiva, che saranno bruscamente interrotti dall’ennesima isteria della moglie. Un’interruzione brutale e che ferisce terribilmente Stoner, ma alla quale, ancora una volta, sembra incapace di opporsi.

Si assiste impotenti ai soprusi di quest’uomo così eticamente corretto e l’empatia è tale che si ha voglia di scuoterlo e aiutarlo in una, anche minima, ribellione.

Tuttavia dopo momenti di profonda irritazione (la moglie è praticamente una psicopatica ) e infinita tristezza (il tenero rapporto con la figlia brutalmente spezzato) , si apre una breve parentesi di felicità.

“A quarantatré anni compiuti William Stoner apprese ciò che altri, ben più giovani di lui, avevano imparato prima: che la persona che amiamo da subito non è quella che amiamo per davvero e che l’amore non è una fine ma un processo attraverso il quale una persona tenta di conoscerne un’altra”.

William Stoner riesce a vivere un grande amore, di quelli che riempiono di vita e lasciano cicatrici indelebili.
Una storia dove amore e testa, sesso e passioni sono condivise. («Lussuria e conoscenza», disse una volta Katherine. «È il massimo che si può avere, giusto?».”)

Sono pagine splendide in cui si rinasce e si respira.
(Quand’era giovanissimo, Stoner pensava che l’amore fosse uno stato assoluto dell’essere a cui un uomo, se fortunato, poteva avere il privilegio di accedere. Durante la maturità, l’aveva invece liquidato come il paradiso di una falsa religione, da contemplare con scettica ironia, soave e navigato disprezzo, e vergognosa nostalgia. Arrivato alla mezza età, cominciava a capire che non era né un’illusione né uno stato di grazia: lo vedeva come una parte del divenire umano, una condizione inventata e modificata momento per momento, e giorno dopo giorno, dalla volontà, dall’intelligenza e dal cuore.)

Ma il mondo dal quale gli amanti cercano di scappare non li lascia fuggire.

Una volta raggiunti, Stoner prende la sua decisione. (“Quasi tutte le storie finiscono male», disse lei, e per un momento si incupirono entrambi.”)
Davvero non si può essere felici se non per brevi, intensi, attimi.
Le vessazioni, immotivate, del collega e della moglie, inviterebbero ad un atto di ribellione, a momenti di rabbia o di decisionismo che avvengono pacatamente e solamente a sprazzi.
E quando una piccola vittoria sembra essere finalmente raggiunta, ecco di nuovo l’evento, definitivo, che tutto devia e annulla.

Pagine commoventi quelle dell’ultima parte, colme di un pathos che non lascia indifferenti e che attraversa anche il lettore.
Difficilmente dimenticherò William Stoner.

 

Titolo:Stoner
Autore: Williams John E.
Editore: Fazi
Anno ed.:2012
Pag.: 332

 

Annunci

4 commenti su “Stoner

  1. Agata (e la tempesta)
    08/02/2016

    L’ha ribloggato su LibriPensierie ha commentato:

    Stoner. Chi non l’ha amato?

    Mi piace

  2. zaidenoll
    09/02/2016

    Molti non l’hanno amato ed anche su Twitter si discute mica poco 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 08/02/2016 da in Amore a prima svista, Un classico è per sempre con tag , .

Seguimi su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: