Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Lui è tornato

4527281_0Non un romanzo epocale, ma di sicuro irriverente e coraggioso con una buona dose di ironia, spesso a grana grossa, ma in un modo che funziona molto bene.
Siamo intorno al 2010, giorni nostri, e in un parco di Berlino si risveglia improvvisamente Adolf Hitler.
Non si sa come o perché, semplicemente è lì, i suoi ultimi ricordi risalgono ai giorni del bunker e si ritrova in un mondo che non conosce, incuriosito più che intimorito.
Da qui in poi parte un viaggio surreale di un personaggio del tutto fuori posto che analizza ogni frammento della “nostra” vita quotidiana dall’alto della sua mente analitica in un modo talmente ironico che sembrerebbe quasi comico, se non conoscessimo già i fondamenti di quelle bizzarrie, le stesse che erano alla base della follia degli anni trenta e quaranta.
Ma il mondo di oggi non emargina il novello Hitler, lo prende prima come comico, poi come opinionista, poi come “personaggio” in una scalata sociale che sembra impossibile ma che in effetti è fin troppo credibile e lascia scorrere più di un brivido lungo la schiena. La società odierna appare schifata solo in apparenza dai deliri fuori tempo massimo del protagonista, una disapprovazione dovuta più che altro alla patina di politicamente corretto che sarebbe sconveniente rimuovere, ma che spesso nasconde una gran voglia di dare corda a quell’uomo che promette senza un briciolo di esitazione il ritorno di una Grande Germania, nasconde l’ammirazione per l’imbonitore che non ha remore a mandare al diavolo la stampa o la politica di turno, nasconde il desiderio di acclamare quell’ometto che spazzerà via l’incertezza dovuta ai partiti che litigano per questioni che ai più appaiono marginali, per poi instaurare una rassicurante dittatura. La cosa che più spaventa di tutto il romanzo è riconoscere persone che vorrebbero davvero un uomo del genere.
Tutto è narrato in prima persona, dal punto di vista del redivivo Hitler, che commenta ogni cosa che vede con un misto di ingenuità infantile, di spietata analisi tattica e di disapprovazione grottesca; il protagonista non è mai spiazzato di fronte a una realtà che non gli appartiene, piuttosto sembra il resto del mondo a non essere preparato a lui, tant’è che lo subisce praticamente senza colpo ferire.
Il finale è prevedibile, il modo in cui ci si arriva anche, ma l’ironia con cui il tutto viene descritto è a vari livelli: c’è quella più grossolana in cui l’autore si prende in giro da solo scrivendo le deliranti riflessioni del fuherer e c’è un sottotesto molto più affilato nel descrivere le reazioni delle persone che vi si trovano a contatto.
Buona lettura, non eccessivamente impegnativa e molto veloce, ma decisamente meritevole.

Annunci

2 commenti su “Lui è tornato

  1. speranza
    04/11/2015

    Applausi a chi ha realizzato la copertina. Splendida!

    Piace a 1 persona

  2. ilpyto
    28/02/2016

    Mi associo a speranza che elogia la copertina ed a Tyreal per la fredda e lucida analisi. Dopo i commenti entusiastici di alcuni mi aspettavo un romanzo brillante, a tratti comico. Ed anche se sono a poco meno di metà romanzo, più di un brivido è corso lungo la schiena. Leggerlo su un treno svizzero circondato da tedeschi che, vista la copertina, facevano “ok” col pollice mi ha spiazzato. Bravo tyreal!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 02/11/2015 da in Russi s.bellicosi.

Le nostre foto

Quattro saggi inediti, scritti da Virginia Woolf tra il 1919 e il 1939, in cui l’autrice si interroga sul ruolo della recensione che “a differenza del critico letterario, non ha niente da dire allo scrittore; è al lettore che si rivolge”. . . Leggere, recensire di Virginia Woolf, @marcosymarcos . . Letto da Speranza . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm  #virginiawoolf
"Mi commuovono i lettori e basta, quelli che hanno ancora il coraggio di leggere il Dizionario filosofico di Voltaire, che è una delle opere più piacevoli e moderne che conosco. Mi commuovono i giovani di ferro che leggono Cortázar e Parra, così come li ho letti io e come intendo continuare a leggerli. Mi commuovono i giovani che dormono con un libro sotto la testa. Un libro è il miglior cuscino che esista." Dall'ultima intervista pubblicata nel luglio del 2003 dall’edizione messicana di «Playboy» a Roberto Bolaño . . #robertobolaño #2666 @adelphiedizioni . . Letto da @maga_ri_domani . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm
Alzarsi presto la mattina e approfittare del silenzio per finire gli ultimi capitoli del libro di Tara Westover, L'educazione, Feltrinelli traduzione di Silvia Rota Sperti. L'autrice racconta la sua storia e il suo percorso verso "L'educazione", la sua trasformazione e presa di coscienza che l'ha portata da uno sperduto paese dell'Idaho e da una famiglia mormona tradizionalista - che non crede nella scuola, nella sanità e nello Stato - a conseguire un dottorato in Storia a Cambridge. Un'educazione che l'è costata molto in termini di affetti familiari, portandola a rompere con gran parte dei componenti della sua grande famiglia. . . #tarawestover #leducazione @lafeltrinelli . . letto da @polimena @lafeltrinelli . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm
Halldór Laxness, premio Nobel per la letteratura nel 1955, riposa qui, in un piccolo cimitero sulla collina, poco lontano da casa sua, ora trasformata in museo. Da qui si domina la valle, lungo la quale scorre uno dei tanti torrenti che portano la neve al mare; con cieli che virano di colore dal blu intenso di una giornata di vento, a tutti i toni del grigio quando piove. Senza contare le infinite sfumature del verde che accolgono il viaggiatore, che pare non saziarsi mai di questo spettacolo. L'Islanda è un paese che incanta, estremo, le cui comunità hanno vissuto spesso isolate per la durezza del clima e la mancanza di mezzi per il proprio sviluppo. Laxness racconta tutto questo, nei suoi libri. Se volete conoscere e capire un po' questo paese leggete Gente indipendente. Un capolavoro. . . Halldór Laxness, pubblicato da @iperborea . . @agata.e.la.tempesta è andata a trovarlo per noi . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm #halldórlaxness #laxness #iceland #islanda #genteindipendente #graves

I nostri cinguettii

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: