Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Il Paese dove non si muore mai

downloadIo adoro i Balcani, ci sono stata e li adoro. Adoro la Gente, i posti, i paesaggi, il cibo, la cultura, la storia. Adoro l’Albania o quel che ne ho visto, un Paese sorprendete per una serie di motivi.

Ornella Vorpsi in questo libro di racconti coglie proprio l’Albania che io ho conosciuto, la gente con cui ho lavorato e in queste pagine ho trovato la conferma di non aver maturato mere impressioni, ma di essere andata oltre.

La Vorpsi è una delle voci più importanti non solo d’Albania ma della letteratura europea contemporanea. La sua prosa asciutta e diretta tratteggia quadri di un realismo impressionante. Da piccoli dettagli descritti in maniera quasi familiare si deducono importanti realtà che escono dai contesti ristretti da cui provengono e servono a descrivere un’intera Nazione.

L’Albania di queste pagine è una terra, sofferta, combattuta e privata di energie e sentimenti. Un paese che vive nella tragedia

Quanto avevamo bisogno di tragedia! tutto il mio magnifico paese ha una tale sete di tragedia

Dove i sentimenti sono ancestrali, tanto da giustificare faide secolari.

Vivi che ti odio, muori che ti piango

Centrali le figure femminili. Intorno alle donne girano le vicende narrate, nello spirito femminile rivive la voglia di riscatto del paese, la possibilità di crearsi nuove opportunità. La narrazione è quasi tutta in prima persona. Se l’IO narrante non è il protagonista è comunque l’occhio privilegiato che osserva l’azione. Questo a mio avviso toglie profondità alla narrazione, ma ormai ho palesemente dichiarato guerra all’uso della prima persona nella narrazione perché a mio avviso maschera meglio le limitatezze espressive degli autori (a meno che non siano Joyce, ma nessuno è Joyce o Svevo). La voce narrante sembra essere quella di una ragazzina molto giovane quasi una bambina, per cui l’immagine restituita è estremamente semplice eppure veritiera.

Determinante il senso della famiglia e l’appartenenza come unica identificazione di tipo personale, oltre la spersonalizzazione del regime.

E’ chiaro che ogni libro parla alla nostra mente, dialoga con i nostri sentimenti, condiziona le nostre impressioni, si incastra con le nostre esperienze. Per questo ci piace e non ci piace. Questo libro mi è piaciuto nonostante dal punto di vista stilistico mi sarei aspettata molto di più dato il clamore con il quale la scrittrice è acclamata.

Consigliato: se avete voglia di imparare e capire qualcosa di un paese talmente vicino da arrivarci con una gita e soprattutto di abbattere pregiudizi e false retoriche

Sconsigliato:  non è libro da grandi sistemi e tutto sommato non un capolavoro

Autore: Ornella Vorpsia
Editore: Einaudi (13 settembre 2005)
Copertina flessibile: 111 pagine
Collana: L’Arcipelago Einaudi
Lingua: Italiano
ISBN-10: 8806170198
Prezzo di copertina: 11,00€

Annunci

Informazioni su Tatiana Larina

russa per vocazione, dedica ogni minuto libero a leggere qualsiasi cosa le passi a vista da arabi, persiani e indiani a scandinavi e russi, dai diari di viaggio alle saghe familiari e fantasy con un debole dichiarato per l‘italiano puro. Non che disprezzi chick-lit, fantasy e gialli da strapazzo, ma per carità non propinatele spazzatura spacciata per capolavori. Mamma e ricercatrice, dopo un decennio o più a girare per trovar chi sa cosa, è arrivata alla conclusione che un libro come si deve ti porta più lontano del ‘Millennium Falcon’.

Un commento su “Il Paese dove non si muore mai

  1. Agata (e la tempesta)
    10/10/2015

    L’ha ribloggato su LibriPensierie ha commentato:

    Dove Tatiana Larina ci parla di Balcani.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 09/10/2015 da in Varie.

Seguimi su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: