Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

House for the Season

downloadNell’ultimo post parlavamo delle letture estive, impegnate giusto? ecco sempre per seguire il filone faceto, stavolta Tatiana si è lanciata in una serie intera e non un semplice libro: House for the Season tradotto in italiano, come la serie di Clarges Street, 67 della cara M.C. Beaton (al secolo Marion Chesney), l’autrice sotto pseudonimo di Agatha Raisin, la divertente cinquantenne investigatrice a tempo tempo perso che tanti russi ha conquistato.

La serie House for the Season è di tutt’altro genere: Inghilterra inizi dell’800, piene guerre napoleoniche. Mentre l’Europa cerca di fermare l’imperatore di Francia, Londra sciala tra feste, balli, rout, teatri, concerti, cene e scampagnate. Avete presente l’Inghilterra di Jane Austen? ecco proprio quella: deliziose e candide, pudiche fanciulle alle prese con i primi turbamenti amorosi e aitanti cavalieri che invece quanto a corse… bé lasciamo perdere. La Beaton decide di scrivere una serie di Harmony di ambientazione storica senza pretese, tranne quelle di divertire il pubblico femminile. E tutto sommato… ci riesce. La Beaton conosce il suo mestiere, come nella serie di Agatha anche qui costruisce il suo mondo e fa muovere i suoi personaggi. Badate bene, però i personaggi delle storie d’amore cambiano sempre: ogni libro, un’avventura amorosa nuova; ogni stagione, un nuovo fiore da cogliere; ogni nuova inquilina, un don giovanni da fa capitolare. E sì, perché la casa di Clerges street è affittata per la stagione, cioè la Stagione londinese quelle in cui le ragazze debuttavano in società ufficialmente, perché ufficiosamente davano fondo alle risorse di provincia della famiglia per presentarsi bene qualche mese e sperare di accalappiare lo scapolo d’oro.

Punto di riferimento, la magione  nell’elegante quartiere di Mayfair che come tutte le case di un certo livello ha una servitù, i piani bassi per intenderci che invece restano fissi come la casa. E a questi strampalati personaggi che il lettore si affeziona. I lord, le lady, i padroni passano, loro restano a garantire la continuità. Un po’ come i telefilm anni ’80, ve li ricordate?Love Boat e cose così…sarà che la serie è stata scritta proprio in quegli anni ma tradotta da Astoria solo in questo millennio. C’è il maggiordomo con la governante, il valletto, le cameriere, la sguattera, il cuoco e il tuttofare. Una famiglia strambalata che aiuta a ricongiungere i cuori.

Per darvi un’idea, primo episodio L’Avaro di Mayfair: gli ingredienti ci sono tutti: un vecchio ubriacone senza finanze, una ricca eredità, la ragazza più bella di Edimburgo, un viaggio periglioso, un aitante conte sprezzante e maschilista (perché le donne sono tutte sciocche, belle e brutte), un serie di malintesi, la servitù che tutto vede e tutto dipana, l’amore che trionfa.

Quindi? vabbè forse serve la prossima estate per portarlo sotto l’ombrellone, ma magari basta un week-end di relax.

Io intanto, archiviati i 4 già tradotti cerco di procurarmi i restanti in inglese

Consigliato: alle inguaribili romantiche o anche a chi cerca roba per spegnere il cervello. Mandarlo proprio in vacanze per qualche ora

Sconsigliato: vabbé dopo un po’ viene a noia… ma mica dovete divorarli tutti di seguito

Autore: M.C. Beaton

Casa editrice: Astoria

Serie di Clerges Street:

L’avaro di Mayfair

Jane la Bruttina

La perfida madrina

La carriera di un libertino

Annunci

Informazioni su Tatiana Larina

russa per vocazione, dedica ogni minuto libero a leggere qualsiasi cosa le passi a vista da arabi, persiani e indiani a scandinavi e russi, dai diari di viaggio alle saghe familiari e fantasy con un debole dichiarato per l‘italiano puro. Non che disprezzi chick-lit, fantasy e gialli da strapazzo, ma per carità non propinatele spazzatura spacciata per capolavori. Mamma e ricercatrice, dopo un decennio o più a girare per trovar chi sa cosa, è arrivata alla conclusione che un libro come si deve ti porta più lontano del ‘Millennium Falcon’.

2 commenti su “House for the Season

  1. polimena
    19/09/2015

    Questi me li devo leggere. Li metteró nella lista ‘Letture per momenti di sconforto’ 🙂

    Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18/09/2015 da in Tra un tè e un pasticcino.

Seguimi su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: