Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

La ballata di Adam Henry

Scelte Erano anni che non leggevo il mio amato McEwan e ho ritrovato, seppure in una trama inaspettata, la stessa bravura nell’analizzare e scandagliare i pensieri e i sentimenti umani … Continua a leggere

29/04/2015 · 13 commenti

Giornata Mondiale del Libro e i Russi leggono perché…

Eccoci! alla fine di questa lunga giornata ce la facciamo a pubblicare il nostro collettivo #ioleggoperché. Perché lo avete capito che i russi leggono, vero? leggiamo tanto e leggiamo sempre … Continua a leggere

23/04/2015 · 7 commenti

Mr Peek e i Malintesi dello Zoo

Era un giorno grigio e freddo… Dell’aspra primavera inglese. Io e F. decidiamo allora di esplorare il nostro bottino settimanale della Biblioteca Centrale di Cambridge…ben 12 libri che ci siamo … Continua a leggere

19/04/2015 · 2 commenti

La bambina fulminante

E’ che oggi ho mal di schiena. Ho finito l’altro ieri Longbourn House e mi son detta Che leggo ora? E allora ho iniziato Il buio oltre la siepe che … Continua a leggere

18/04/2015 · 5 commenti

Longbourn House

Dovunque siamo, in questo mondo, pensò, sopra di noi c’è sempre il cielo. Mi trovo nella campagna inglese. Piove, il freddo penetra nelle ossa. Ho le scarpe infangate, il vestito, … Continua a leggere

17/04/2015 · 7 commenti

Il maledetto

    «Non possiamo sapere se agiamo o siamo agiti; se siamo pedine del gioco, o siamo noi stessi il gioco.» Per la sua complessità, per i multipli livelli di lettura, … Continua a leggere

14/04/2015 · 4 commenti

Cantalamappa. Atlante bizzarro di luoghi e storie curiose.

     I Wu Ming sono tornati. E lo hanno fatto con una raccolta di racconti per bambini e ragazzi. Roba impegnativa, però, e impegnata, nel senso di ideali socio-politici. … Continua a leggere

12/04/2015 · 8 commenti

Lauro

“La settimana ha sette giorni e trasforma la vita umana: il giorno Az – la nascita del fanciullo, il giorno Vedi – il giovane, il giorno Glagol’ – la maggiore … Continua a leggere

03/04/2015 · 2 commenti

Il tempo che vorrei

Sorprendente prova d’autore per un personaggio che avevo sempre sottovalutato: prosa robusta, evocativa e con quel pizzico di nostalgia anni ’80 che non guasta mai, una decisa sterzata pulp a … Continua a leggere

01/04/2015 · 5 commenti

Le nostre foto

Ogni anno, nel giorno del compleanno del blog Parla della Russia, consigliamo i nostri libri preferiti e Ci mettiamo la faccia. In attesa del 16 dicembre, stuzzicatevi l'appetito con la grande capa @ZaideNoll e il suo consiglio dello scorso dicembre 2017. . . . E’ stato un anno in cui ho letto poco rispetto ai miei standard, tra cui libri assolutamente dimenticabili, e anche libri bellissimi, tra cui Una vita come tante, La Ferrovia Sotterranea e Sangue Giusto, di cui si è ampiamente parlato qui. Per questo voglio dedicare questo post natalizio ad un librino che mi ha folgorato qualche giorno fa. Un libro per maniaci di libri (eccomi!) scritto da “un misterioso gruppo di esperti e maniacali lavoratori dell’editoria italiana”. E voi lo sapete che a me piacciono un sacco i maniaci! Nel libro troverete un po’ di tutto, dall’elenco dei vincitori dei principali premi letterari, agli incipit più belli della storia della letteratura. Il libro è bello, ha la copertina rugosa, le pagine color crema ed è un piacere sfogliarlo, tenerlo, regalarlo. . . Guida tascabile per maniaci dei libri Collana Beauborg, Editore Clichy Letto da @Zaidenoll . . @clichy_edizioni #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm #book
Un'autobiografia raccontata in terza persona sfogliando un album di fotografie, prima in bianco e nero e poi a colori. Il tessuto di un'esistenza personale e marcatamente femminile intimamente intrecciato al movimento fugace di una storia collettiva, quella dagli anni quaranta a oggi. Un vertiginoso elenco sociologico nel tentativo di "sauver quelque chose du temp ou l'on ne seraj plus jamais" . . . Letto da @pamelafragnoli . #parladellarussia #libri #leggere #instabook #igerbooks #bookaddict #libridaleggere #bookworm #book #annieernaux #autobiography
Il National Theatre è un colosso dell'architettura brutalista inglese. Insieme all'altro famoso mostro, The Barbican, sono brutti solo al primo sguardo. Sono belli dentro, di sicuro. Il National Theatre è un luogo prezioso ed aperto, dove tavoli, divani, poltroncine e tappeti spessissimi offrono ospitalità gratuita, oltre che film e teatro di qualità. Nel foyer immenso, c'è anche la libreria, un nucleo luminoso nella penombra della sala; un beacon, si direbbe inglese, un segnale di richiamo per allodole bibliofile. . . Segnalato da @realchicawonder . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm #book #london #nationaltheatre #beacon
Scriveva Susan Sontag a 14 anni: . Credo: a) che non esista un Dio personale né una vita dopo la morte b) che la cosa più desiderabile al mondo sia la libertà di essere fedeli a se stessi, vale a dire l'Integrità c) che la sola cosa che differenzi gli esseri umani sia l'intelligenza d) che il solo criterio per giudicare qualsiasi azione sia l'effetto ultimo che essa produce sulla felicità o l'infelicità dell'individuo e) che sia ingiusto privare un essere umano della vita [...] h) credo, inoltre, che uno Stato ideale debba essere forte e centralizzato, con il controllo governativo dei servizi pubblici, banche, miniere + trasporti e sovvenzioni delle arti, un salario minimo confortevole, il sostegno ai disabili e agli anziani. Assistenza statale alle donne incinte senza alcuna distinzione fra figli legittimi + illegittimi. . Era il 23 novembre 1947. Un libro pieno di spunti di riflessione, ma anche musica e letteratura. Un regalo bellissimo per lettori sofisticati. . #susansontag @edizioninottetempo #rinata . . . Letto da @agata.e.la.tempesta . . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm #book #diario #diary

I nostri cinguettii

Annunci