Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Ai piani bassi

Unknown

“Quelli come noi non erano abituati a guardare avanti. Non ne avevano il coraggio. Vivere alla giornata era già abbastanza.”

Margaret Powell (1907-1984) narra la sua storia, non la abbellisce e non si fa commiserare. Proveniente da una famiglia piuttosto umile e numerosa, poco più che bambina è costretta ad “andare a servizio”, prima come semplice sguattera e poi, con il passare degli anni e l’accumularsi dell’esperienza, come cuoca di famiglia.

La Powell mostra la fatica quotidiana di chi serviva nelle case dei ricchi, le giornate riempite di attività frenetiche, le mani scorticate, la quotidianità controllata dai “loro” sguardi.
Persino la vita personale e sentimentale della servitù era sotto la lente di ingrandimento, e di ferreo controllo, dei padroni.
Senza aspirare a grandi battaglie di classe o sognare la rivoluzione, la Powell descrive, con una punta di ironia e una critica lucida, quello che ha vissuto, le fatiche fisiche e le umiliazioni subite dall’alta borghesia inglese.
La spaccatura tra diritti e privilegi acquisiti e la povertà estrema della classi più umili non viene mai dimenticata.

«Sono povera, ma non per questo fingo che ci sia qualcosa di meraviglioso nella povertà. Essere ricca mi piacerebbe molto».

La povertà e le privazioni non hanno nessun fascino e la Powell ce lo ricorda con intelligenza.
La sua vita, con matrimonio e figli, cambierà,  si dedicherà allo studio della filosofia e della letteratura e diventerà una scrittrice.

Sebbene diverse attività e situazioni presentate nel libro siano effettivamente scomparse, rimangono le disuguaglianze sociali, l’ipocrisia buonista di chi tanto possiede, la mancanza di scelta di molti.

Un libro, che dopo quarantacinque anni, non ha perso la sua capacità di farsi leggere e farci riflettere.

Titolo: Ai piani bassi
Autrice: Margaret Powell
Anno: 
2012
Editore: Einaudi 
Stile libero
Pagine: 
200
Prezzo: 
€ 16,50
ISBN: 
9788806214883

Annunci

5 commenti su “Ai piani bassi

  1. Gianni Leoni
    23/03/2015

    Leggendo la recensione pensavo a Longbour House di Jo Baker romanzo parallelo a Orgoglio e Pregiudizio ma con la servitù dei Bennet per protagonisti, e quel libro della Alicia Gimenez Bartlett una stanza tutta per gli altri dove a scrivere è la domestica di Virginia Woolf.

    Liked by 1 persona

  2. speranza
    24/03/2015

    non conosco il libro della Alicia Gimenez Bartlett, me lo andrò a cercare.
    grazie del suggerimento.

    Mi piace

  3. Gianni Leoni
    24/03/2015

    Lo aveva recensito Polimeni o altra cugina sul suo sito

    Liked by 2 people

  4. Pingback: Longbourn House | Parla della Russia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22/03/2015 da in Primo: non discriminare, Tra un tè e un pasticcino con tag .

Seguimi su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: