Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

The Dead in their Vaulted Arches

De Luce 5  Torna Flavia De Luce e meno male perché A Spasso tra le Tombe ci aveva lasciato con il fiato sospeso.

E’ meraviglioso come il personaggio di questa bambina sia contraddittorio eppure verosimile: scienziata specializzata in chimica ad un livello tale da poter gestire un laboratorio universitario, custodisce in sé l’incanto, il candore e l’ostinazione di una bimba che crede anche di poter resuscitare le persone care con la forza della chimica. La chimica, diventa il tocco con cui rendere magico il mondo, con cui sconfiggere indeterminazione, caos, dolore.

Sempre più Bradley evolve nella costruzione dei personaggi che intorno a Flavia si muovono. Padre, Ophelia, Daphne, Dogget, Mrs Mullet hanno acquisito una precisa identità, oltre la maschera di comparse e poi la zia, l’anziana De Luce che in sé assomma i misteri e la potenza della famiglia. Stupore….

Difficile recensire questo libro senza anticipare nulla o lasciare indizi. Certo Bradley continua a incatenare il lettore, ma questo libro, come già si intuiva dalla fine del precedente, inizia una nuova fase della serie che ormai possiamo definitivamente considerare una saga.  Comincia a squarciarsi il velo dei tanti misteri che circondano Flavia -perché c’è un laboratorio di chimica nell’antica dimora? perché elementi composti e strumenti non si esauriscono mai? perché Flavia non va a scuola? perché le sorelle la detestano? perché il padre la evita pur assecondandola? com’è morta sua madre? perché ha abbandonato tre figlie per una scalata in Tibet? dov’era il padre di Flavia quando la madre le ha lasciate? come ha incontrato Dogger? chi è Dogger?

Sì, questo libro risponde a tutto questo e apre molte altre domande (fremete, eh?) . Morti ce ne sono, ma smettono di essere centrali e il libro da giallo si trasforma in thriller.

A me è piaciuto e tiene alta l’aspettativa, certo Bradley ora corre un grosso rischio: ha alzato il tiro e il seguito potrebbe rivelarsi non all’altezza…

Intanto continuiamo a goderci lo sfondo dato dalla magione di famiglia della campagna inglese, per quanto ancora?

Attendo e temo il sequel… intanto spero anche che Sellerio lo traduca in fretta per gli appassionati italiani, magari migliorando un po’ le traduzioni che non restituiscono del tutto la bravura dell’autore

Consigliato: ovviamente a questo punto solo a chi li ha letti tutti, altrimenti il gusto dove sta?

Sconsigliato: dovrete essere pronti al cambio di genere… altrimenti…

Titolo: The Dead in their Vaulted Arches
Autore: Alan Bradley
Editore: Random House Lcc Us (2 settembre 2014)
Lingua originale: Inglese
Lunghezza stampa: 330pp.
ISBN: 0553841289

Annunci

Informazioni su Tatiana Larina

russa per vocazione, dedica ogni minuto libero a leggere qualsiasi cosa le passi a vista da arabi, persiani e indiani a scandinavi e russi, dai diari di viaggio alle saghe familiari e fantasy con un debole dichiarato per l‘italiano puro. Non che disprezzi chick-lit, fantasy e gialli da strapazzo, ma per carità non propinatele spazzatura spacciata per capolavori. Mamma e ricercatrice, dopo un decennio o più a girare per trovar chi sa cosa, è arrivata alla conclusione che un libro come si deve ti porta più lontano del ‘Millennium Falcon’.

4 commenti su “The Dead in their Vaulted Arches

  1. speranza
    12/02/2015

    tu e Zaidenoll mi fate sentire in colpa! Non ho mai letto Flavia De Luce

    Piace a 1 persona

  2. polimena
    12/02/2015

    A me manca A spasso fra le tombe quindi dovrò rimandare la lettura di questo (a quando uscirà in traduzione Sellerio 🙂

    Piace a 1 persona

  3. Tatiana Larina
    12/02/2015

    Speranza, non ti deluderà, vedrai!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12/02/2015 da in Amore a prima svista, Dieci piccoli Russi con tag , .

Le nostre foto

Quattro saggi inediti, scritti da Virginia Woolf tra il 1919 e il 1939, in cui l’autrice si interroga sul ruolo della recensione che “a differenza del critico letterario, non ha niente da dire allo scrittore; è al lettore che si rivolge”. . . Leggere, recensire di Virginia Woolf, @marcosymarcos . . Letto da Speranza . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm  #virginiawoolf
"Mi commuovono i lettori e basta, quelli che hanno ancora il coraggio di leggere il Dizionario filosofico di Voltaire, che è una delle opere più piacevoli e moderne che conosco. Mi commuovono i giovani di ferro che leggono Cortázar e Parra, così come li ho letti io e come intendo continuare a leggerli. Mi commuovono i giovani che dormono con un libro sotto la testa. Un libro è il miglior cuscino che esista." Dall'ultima intervista pubblicata nel luglio del 2003 dall’edizione messicana di «Playboy» a Roberto Bolaño . . #robertobolaño #2666 @adelphiedizioni . . Letto da @maga_ri_domani . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm
Alzarsi presto la mattina e approfittare del silenzio per finire gli ultimi capitoli del libro di Tara Westover, L'educazione, Feltrinelli traduzione di Silvia Rota Sperti. L'autrice racconta la sua storia e il suo percorso verso "L'educazione", la sua trasformazione e presa di coscienza che l'ha portata da uno sperduto paese dell'Idaho e da una famiglia mormona tradizionalista - che non crede nella scuola, nella sanità e nello Stato - a conseguire un dottorato in Storia a Cambridge. Un'educazione che l'è costata molto in termini di affetti familiari, portandola a rompere con gran parte dei componenti della sua grande famiglia. . . #tarawestover #leducazione @lafeltrinelli . . letto da @polimena @lafeltrinelli . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm
Halldór Laxness, premio Nobel per la letteratura nel 1955, riposa qui, in un piccolo cimitero sulla collina, poco lontano da casa sua, ora trasformata in museo. Da qui si domina la valle, lungo la quale scorre uno dei tanti torrenti che portano la neve al mare; con cieli che virano di colore dal blu intenso di una giornata di vento, a tutti i toni del grigio quando piove. Senza contare le infinite sfumature del verde che accolgono il viaggiatore, che pare non saziarsi mai di questo spettacolo. L'Islanda è un paese che incanta, estremo, le cui comunità hanno vissuto spesso isolate per la durezza del clima e la mancanza di mezzi per il proprio sviluppo. Laxness racconta tutto questo, nei suoi libri. Se volete conoscere e capire un po' questo paese leggete Gente indipendente. Un capolavoro. . . Halldór Laxness, pubblicato da @iperborea . . @agata.e.la.tempesta è andata a trovarlo per noi . . #parladellarussia #libri #leggere #instabooks #igersbook #bookaddict #libridaleggere #bookwarm #halldórlaxness #laxness #iceland #islanda #genteindipendente #graves

I nostri cinguettii

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: