Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

The Dead in their Vaulted Arches

De Luce 5  Torna Flavia De Luce e meno male perché A Spasso tra le Tombe ci aveva lasciato con il fiato sospeso.

E’ meraviglioso come il personaggio di questa bambina sia contraddittorio eppure verosimile: scienziata specializzata in chimica ad un livello tale da poter gestire un laboratorio universitario, custodisce in sé l’incanto, il candore e l’ostinazione di una bimba che crede anche di poter resuscitare le persone care con la forza della chimica. La chimica, diventa il tocco con cui rendere magico il mondo, con cui sconfiggere indeterminazione, caos, dolore.

Sempre più Bradley evolve nella costruzione dei personaggi che intorno a Flavia si muovono. Padre, Ophelia, Daphne, Dogget, Mrs Mullet hanno acquisito una precisa identità, oltre la maschera di comparse e poi la zia, l’anziana De Luce che in sé assomma i misteri e la potenza della famiglia. Stupore….

Difficile recensire questo libro senza anticipare nulla o lasciare indizi. Certo Bradley continua a incatenare il lettore, ma questo libro, come già si intuiva dalla fine del precedente, inizia una nuova fase della serie che ormai possiamo definitivamente considerare una saga.  Comincia a squarciarsi il velo dei tanti misteri che circondano Flavia -perché c’è un laboratorio di chimica nell’antica dimora? perché elementi composti e strumenti non si esauriscono mai? perché Flavia non va a scuola? perché le sorelle la detestano? perché il padre la evita pur assecondandola? com’è morta sua madre? perché ha abbandonato tre figlie per una scalata in Tibet? dov’era il padre di Flavia quando la madre le ha lasciate? come ha incontrato Dogger? chi è Dogger?

Sì, questo libro risponde a tutto questo e apre molte altre domande (fremete, eh?) . Morti ce ne sono, ma smettono di essere centrali e il libro da giallo si trasforma in thriller.

A me è piaciuto e tiene alta l’aspettativa, certo Bradley ora corre un grosso rischio: ha alzato il tiro e il seguito potrebbe rivelarsi non all’altezza…

Intanto continuiamo a goderci lo sfondo dato dalla magione di famiglia della campagna inglese, per quanto ancora?

Attendo e temo il sequel… intanto spero anche che Sellerio lo traduca in fretta per gli appassionati italiani, magari migliorando un po’ le traduzioni che non restituiscono del tutto la bravura dell’autore

Consigliato: ovviamente a questo punto solo a chi li ha letti tutti, altrimenti il gusto dove sta?

Sconsigliato: dovrete essere pronti al cambio di genere… altrimenti…

Titolo: The Dead in their Vaulted Arches
Autore: Alan Bradley
Editore: Random House Lcc Us (2 settembre 2014)
Lingua originale: Inglese
Lunghezza stampa: 330pp.
ISBN: 0553841289

Annunci

Informazioni su Tatiana Larina

russa per vocazione, dedica ogni minuto libero a leggere qualsiasi cosa le passi a vista da arabi, persiani e indiani a scandinavi e russi, dai diari di viaggio alle saghe familiari e fantasy con un debole dichiarato per l‘italiano puro. Non che disprezzi chick-lit, fantasy e gialli da strapazzo, ma per carità non propinatele spazzatura spacciata per capolavori. Mamma e ricercatrice, dopo un decennio o più a girare per trovar chi sa cosa, è arrivata alla conclusione che un libro come si deve ti porta più lontano del ‘Millennium Falcon’.

4 commenti su “The Dead in their Vaulted Arches

  1. speranza
    12/02/2015

    tu e Zaidenoll mi fate sentire in colpa! Non ho mai letto Flavia De Luce

    Piace a 1 persona

  2. polimena
    12/02/2015

    A me manca A spasso fra le tombe quindi dovrò rimandare la lettura di questo (a quando uscirà in traduzione Sellerio 🙂

    Piace a 1 persona

  3. Tatiana Larina
    12/02/2015

    Speranza, non ti deluderà, vedrai!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12/02/2015 da in Amore a prima svista, Dieci piccoli Russi con tag , .

Le nostre foto

👑 📖 Stephen King, The Outsider, letto da @maga_ri_domani . Questo The Outsider mi è piaciuto, il maestro ritorna sul genere thriller/horror già esplorato in passato con successo. Risulta d’obbligo la citazione di A volte ritornano “L'essere che, sotto il letto, aspetta di afferrarmi la caviglia non è reale. Lo so. E so anche che se sto bene attento a tenere i piedi sotto le coperte, non riuscirà mai ad afferrarmi la caviglia.” . . . #parladellarussia #libri #leggere #instabook #igerbooks #bookaddict #libridaleggere #bookworm #book #stephenkingfan #horror #stephenkingbooks #thriller #theoutsider #avolteritornano
Tomi Adeyemi ha avuto un successo fulminante con Figli di Sangue e Ossa, pubblicato a soli 24 anni. La "nuova Rowling", come viene chiamata, crea un Fantasy il cui sfondo è la mitologia africana, inserendosi in un filone  nuovissimo e molto promettente, sulla scia di Nnedi Okorafor, ma anche dell'afrofuturismo alla Black Panther. La psicologia dei personaggi di Adeyemi è però molto basilare e il suo mondo fantastico manca di complessità. Anche se il paragone con Rowling non regge, Sangue e Ossa può essere apprezzato da un pubblico giovane e ha il merito di far conoscere al grande pubblico la mitologia yoruba. . Nella foto accompagnano il libro la bacchetta magica di Nymphadora Tonks e un cosiddetto poggiatesta, un oggetto usato dai pastori africani quando pascolano, oppure nelle cerimonie. Questo in particolare è usato dagli Hamer, un popolo che abita la valle dell'Omo in Etiopia. . . . #parladellarussia #libri #leggere #instabook #igerbooks #bookaddict #libridaleggere #bookworm #book #yoruba #nymphadoratonks #hamer #ethiopia #tomiayedemi #tassorosso #hufflepuff #YA #fantasy
📖 📚 La Long Room della Old Library del Trinity College misura 65 metri di lunghezza. Costruita fra il 1712 e il 1732 ospita più di 200,000 fra i volumi più antichi in possesso della biblioteca. Dal 1850 alla Old Library è stato accordato il permesso di ottenere una copia gratuita di ogni libro pubblicato in Irlanda e in Inghilterra. Vi è custodito anche il Libro di Kells, Leabhar Cheanannais in Gaelico, conosciuto anche come Grande Evangeliario di San Columba, un manoscritto miniato realizzato dai monaci irlandesi nel 9. secolo. . . . vista per noi da @lavalebellotti . #parladellarussia #libri #leggere #instabook #igerbooks #bookaddict #libridaleggere #bookworm #book #shelfie #dublin #trinitycollege #ireland #library #bookofkells
"Alla fine aveva messo da parte abbastanza per comprarsi un carretto che si chiamava seno di Kezhall. Non l'aveva battezzato lui così, ma un altro venditore di strada, che per anni era stato innamorato pazzo di una ragazza di nome Kezhall. La ragazza però aveva sposato un peshmerga, il quale aveva un debole per un'altra donna, che era innamorata di un giovane che invece desiderava un'altra ragazza ancora, e questa a sua volta era infatuata di un padre di famiglia che viveva all'estero, pazzo di una donna più giovane. Tutta quella tragica storia d'amore era condensata nel carretto. Seno di Kenzahll era il carro più piccolo del mondo. L' ho persino cercato, più tardi, ma ho presto scoperto che era stato distrutto durante un assalto. Volevano sbarazzarsi di tutti i carretti". Una favola ambientata in tempi recenti, l'ultimo melograno è la storia di un amore paterno che diventa la parabola di un popolo. . @bachtyar.ali Bachtyar Ali, L'ultimo Melograno, @chiarelettere letto da @burekeater . . . #parladellarussia #libri #leggere #instabook #igerbooks #bookaddict #libridaleggere #bookworm #book #Kurdistan #melograno #iraq #bachtyarali

I nostri cinguettii

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: