Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Rosa candida di Auður Ava Ólafsdóttir

Saltiamo i preamboli e arriviamo diritti al nocciolo: non mi è piaciuto, non mi ha coinvolta, a tratti mi ha annoiata, e alla fine mi ha fatto chiedere “Non sarà finito così?”. Era proprio finito così.

image

Un viaggio di un ragazzo alla ricerca di se stesso, un viaggio in prima persona in compagnia di una “rosa a otto petali” da piantare nel giardino di un monastero.
Una famiglia da lasciare e dolori da superare, ma di cui in nessun momento ho avvertito il pathos. La morte in un incidente di una madre, un fratello gemello autistico, un padre apprensivo, una figlia avuta da una compagna di una sola notte e subito lasciata, il calarsi nel ruolo di padre e poi scoprirsi innamorato; niente, tutto mi passava noiosamente sotto gli occhi, parola dopo parola, senza suscitare alcuna emozione.
Tentativi di portare il sentimento nella storia ci sono; forse troppi e mi hanno accentuato il distacco emotivo. Ho trovato tutto così mellifluo e innaturale.
La ragazza da cui ha avuto una figlia ha bisogno di lui e inizia la sua strada verso la paternità, e tanto più lui si cala nel ruolo di padre tanto più lei si allontana da quello di madre.
Premesso che non credo nell’istinto di maternità per tutte (o paternità per tutti) e quindi che non mi sembra affatto strano che una donna possa rifiutare il suo ruolo materno ( o un padre quello paterno), la trasformazione mi è suonata falsa, plasticosa, come il resto dei sentimenti descritti nel libro.
Non posso concludere senza accennare a un altro elemento che mi ha molto colpita: il numero di pistole lasciate inutilizzate nelle scene.
Anton Cechov diceva che se in un romanzo compare una pistola, bisogna che spari, ma nel romanzo questo non avviene: la somiglianza della bimba con Gesù bambino è rimarcata in moltissime scene, sono insinuate delle sue doti di guarigione, ma dove portano?  Da nessuna parte. Arrivi alla fine sperando che accada qualcosa, che qualche pistola spari e niente, anzi peggio, l’autrice ti piazza un’ultima pistola nella scena finale – un raggio di sole dalla rosa a otto petali di una vetrata illumina la guancia della bambina –  ma non sparerà neppure quella.
Che dire? Lo sconsiglio caldamente.

Annunci

4 commenti su “Rosa candida di Auður Ava Ólafsdóttir

  1. zaidenoll
    20/01/2015

    Mi hai pienamente convinta :O

    Mi piace

  2. polimena
    20/01/2015

    Non so come mai ma le stroncature mi divertono sempre un sacco 🙂

    Mi piace

  3. Stessa impressione, per di più il protagonista maschile ha delle fattezza troppo femminili che risultano troppo artificiose.

    Mi piace

  4. speranza
    23/01/2015

    posso dire che la copertina la trovo dolcissima?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20/01/2015 da in Buttiamoli nel Volga.

Seguimi su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: