Il lamento del prepuzio: il dramma col sorriso

Questo libro decisamente autobiografico parla del rapporto del protagonista, Shalom Auslander, con Dio. Sebbene questa introduzione possa far pensare ad un libro sulla religione, sui rapporti personali con Nostro Signore e tutte quelle cose noiose che mi fanno sbadigliare mentre sto scrivendo, già dalla prima pagina mi rendo conto di essere decisamente fuori strada. Sì,... Continue Reading →

Annunci

Apocalisse a domicilio: un libro inutile

Ho sempre seguito Matteo B. Bianchi nelle sue fatiche editoriali, fin dai primissimi racconti. Ed ho visto la sua progressiva discesa negli inferi dettati dalla sindrome da pagina bianca, ma con il suo "Apocalisse a domicilio" ho avuto la conferma che le mie sensazioni non erano errate. La storia in sé non è brutta: un... Continue Reading →

Piccolo blues – Jean-Patrick Manchette

TRECUGINE

Piccolo blues Piccolo blues

Come ho potuto trascorre tutti questi anni senza aver mai neppure sentito nominare Jean-Patrick Manchette? Eppure lo scrittore francese è considerato il capostitipite del genere noir d’oltralpe, è nato a Marsiglia pochi anni prima di Izzo, ed è stato anche un giornalista, un editore, un traduttore, un jazzista (e la conoscenza musicale traspare in ogni sua pagina).

Piccolo blues è un titolo che mi ha incuriosito in una delle tante liste di libri preferiti che circolano in questi giorni. E mi ha incuriosito proprio perchè Manchette era un nome a me totalmente sconosciuto.

Piccolo blues è un gioiellino di sole 150 pagine di pura adrenalina. Lo stile è asciutto, chirurgico. Non una parola di troppo. Una storia circolare che torna là dove era iniziata: nella notte parigina.

Non voglio anticipare la trama, fidatevi di me e leggete il libro a scatola chiusa, come ho fatto…

View original post 111 altre parole

Muo e la vergine cinese

Ecco un libro-vacanza. Dopo che uno si è sparato un classicone, può leggere questo. E tirare un sospiro di sollievo e farsi quattro risate. Perché immaginate, ai giorni nostri, cercare una vergine. Anche se cinese. E' un'impresa quanto mai disperata.   Titolo: Muo e la vergine cinese Autore: Dai Sijie Editore: Adelphi Prezzo: 18 euro Pag.: 314

Manuale di pulizie di un monaco buddhista

Da quando sono mamma, vado in bestia ogni volta che sento dire che quando mio figlio sarà grande si ricorderà di quanto ho giocato con lui, non se la casa era pulita a meno, sottintendendo che chi si dedica all'ordine e alla pulizia trascura i poveri figlioli. Questa scemenza sui social gira parecchio. Io sono... Continue Reading →

Caleidoscopio di Archibald J. Cronin

Una giornata tra le corsie d'ospedale. Dall'alba al tramonto all'interno di un nosocomio inglese dove si trova compresso un vero e proprio microcosmo vivace, sognante, pensieroso, innamorato, allegro e depresso; uno spaccato umano fatto di medici, infermieri, pazienti, visitatori, inservienti in cui Archibald J. Cronin riversa con amabile leggerezza la propria capacità di descrivere in... Continue Reading →

Un Amore di Ragazzo

  Temevo fosse brutto. Ed in effetti era orrido. Si salvano sprazzi di humor qua e là. #buttiamolonelvolga #bridgetjones     Titolo: Un amore di Ragazzo Autore:  Helen Fielding Editore: Rizzoli Pagine: 468

L’omonimo

                Un libro bellissimo che parla di spaesamento ed identità. Che parla delle multiformi sfaccettature del sé. Quelle legate al proprio nome, alla percezione che gli altri hanno di noi, alle intricate relazioni famigliari, alla difficoltà di costruire un sé univoco, coerente, in qualche modo intero. E' un... Continue Reading →

Il libro delle storie di Quentin Blake

Un'amica mi ha regalato “il libro delle storie di Quentin Blake” e ora vorrei che l'avesse dedicato, perchè finalmente ho trovato Il Libro che cercavo. Il Perfetto Libro delle Favole. Quel libro da rileggere all'infinito sotto le coperte, quello che spero mio figlio avrà ancora, impolverato e stanco, nella sua libreria da adulto, e lo... Continue Reading →

Vita e morte senza miracoli di Celestino VI

Adriana Zarri mi ha insegnato che in certi momenti il solo modo giusto per restare fedeli al nostro Dio è dire no agli uomini. Michela Murgia   Papa Ratzinger è morto. Il Conclave si riunisce per eleggerne il successore. Passano i giorni, ci sono fazioni opposte e non si trova un accordo. Si arriva alla... Continue Reading →

Persuasion

Cara Lady Jane, grazie!! i grazie che ti diciamo da duecento (dico 200) anni non sono sufficienti; e non lo saranno i grazie che verranno per i prossimi 200 anni...

Dall’altra parte del cielo

Può una madre abbandonare una figlia di cinque anni e riversare l’amore e l’attenzioni sulla nipote? “A mia figlia Yasmina Ndella Biléoma per la quale ho scritto la storia della mia famiglia” . Ken Bugul ripercorre l’abbandono subito dalla madre, all’età di cinque anni. Il romanzo è un monologo fitto e doloroso pieno di punti interrogativi inascoltati.... Continue Reading →

Adele Marini – A Milano si muore così

TRECUGINE

A Milano si muore così A Milano si muore così

A Milano la mafia esiste ed è ben infiltrata ma, se qualcuno ancora avesse dei dubbi, dovrebbe leggere il bel noir di Adele MariniA Milano si muore così.

E’ un esempio di non-fictional novel, una trama che attinge alla realtà senza essere del tutto vera. Nomi e date cambiati, episodi in parte frutto di invenzione, ma non si può non notare, nel lavoro di della giornalista e scrittrice, un’accuratezza nella ricerca che rende tutto vivido e reale.

Il commissario Vincenzo Marino, napoletano trapiantato a Milano, indaga su una strage che sembra frutto di dissapori familiari. Non è così, alle morti crudeli e innocenti se ne aggiungono altre, apparentemente disconnesse l’una dall’altra. Il filo logico che lega la scia di delitti è la ‘ndrangheta, così ben infiltrata nella realtà metropolitana da sembrare invisibile.

Il colpevole verrà individuato, come è logico che…

View original post 190 altre parole

#IT

It è una grande libro sui bambini, sulla difficoltà di crescere. Sull'amicizia. E solo in ultimo luogo sulla paura. Certo, fa paura, e tanta. A tratti è proprio terrificante. Ma la cosa che mi resterà, girata l'ultima pagina (ormai manca poco!) saranno loro. Bill che balbetta, Ben che è grasso, Beverly che il padre la... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑