Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Marie Aude Murail

cop

L’anno scorso mi è capitato di leggere “Oh, boy”, ed in effetti avrei dovuto sospettare che Marie Aude Murail fosse una grande scrittrice.

Ecco cosa scrivevo nella mia recensione anobiana del febbraio 2013:

Le faccio tre cuori

…per questo libretto delizioso, che ho mandato giu’come fosse un cupcake con un po’ di pepe.

Riuscire a rendere divertente una storia tragica non e’ un dono da poco, e per questo la Murail si aggiudica le cinque stellette ad honorem.

Sono orfani, sono strani, sono malati…ma ho riso tanto!

“Nessun tatuaggio recente? No?un viaggio ai tropici? NO? Ha avuto problemi di cuore? ” ” Oh!Di quelli tantissimi!’ esclamo’ Bart. “Parlo di problemi cardiaci…” ” Ah no, non sono mai arrivato a quello stadio” corresse Barthelemy.

Poi ho sentito parlare di Miss Charity, ne ho letto sulla pagina di Libri e Marmellata, ma un certo sospetto di buonismo mi tratteneva: sicuramente mi sono lasciata ingannare dalla copertina, forse dal titolo…e non avrei dovuto. Perchè Marie Aude Murail è proprio il contrario di una scrittrice buonista, e la sua ironia molto sobria e affilata mi hanno regalato delle ore decisamente piacevoli.

Infatti, ieri ho scoperto Miss Charity, detta Cherry, ed ho seguito le sue avventure da quando, bambina di cinque anni, ha raccolto ed allevato il suo primo topolino, fino al lieto fine, che come dice giustamente lei, dovrebbe essere obbligatorio in tutti i romanzi.

La Murail scrive leggero, scrive “per tutti”, ma riesce ad incantare ed a divertitire. Ho riso, ho sorriso ed ho dimenticato tutto il resto, e per darvi un assaggio di questa prosa leggerissima ed allo stesso tempo pungente, vi regalo qualche stralcio della vita di Cherry, quando salva l’ennesimo animaletto:

Un’altra volta, Mary mi portò al mercato per comprare un coniglio.

MARY A vostro padre piacciono molto. Ma come paté. Dopo un cenno della cuoca, il venditore afferrò un coniglio per la collottola. Era paffuto, grassoccio e aveva l’occhio brillante. Poteva diventare un compagno di giochi così come un paté. Congiunsi le mani.

IO Oh, Mary, non lo uccidete subito! Al coniglio fu concesso un rinvio con condizionale e, appena fu al sicuro nella nursery, gli cercai un nome.

TABITHA Chiamatelo Paté. Così si abitua. Seguii il suggerimento. Paté era un coniglio molto pauroso, come era comprensibile data la sua situazione. Ma io avevo un talento nel conquistare la fiducia degli animali, anche dei più timorosi. Ben presto Paté venne a mangiare pezzettini di carota dalla mia mano.

TABITHA Ecco che si mangia il suo contorno.

Quando ci riporta i dialoghi in famiglia:

MAMMA Lady Bertram mi ha raccomandato una persona che potrebbe diventare la governante di Charity. Lady Bertram, sposata a Sir Philip Bertram, era la sorella minore di papà. Era anche la mia madrina.

PAPÀ Ah, sì? Mamma aspettò diversi minuti nel caso papà volesse precisare il proprio pensiero. Ma lui non lo fece. MAMMA Charity ha ormai un’età in cui è necessaria la presenza di una governante. Non credete, Albert? Papà sospirò, le chiacchiere di mamma erano difficilmente tollerabili. Tuttavia, dopo il salmì di galletto cedrone, si pronunciò.

PAPÀ Incontrate dunque questa persona che mia sorella vi raccomanda.

Quando ci regala perle di saggezza (imperitura, aggiungerei!)

Giulietta Capuleti aveva quattordici anni e a me sembrava che se per il suo compleanno le avessero regalato il Libro delle nuove meraviglie avrebbe impiegato meglio il proprio tempo. Come me, avrebbe potuto imparare che gli sporofiti sono piante asessuate molto più rilassanti da frequentare dei Montecchi.

Quando, inevitabilmente, ci riconosciamo in lei ( e nelle bambine che eravamo)

Leggevo e non ero più lì, non ero più io. Credo che mi piacessero tutti i romanzi che leggevo, almeno se finivano bene. Bisognerebbe del resto approvare una legge contro i romanzi che finiscono male. Leggevo e mi mettevo ad amare violentemente persone che non avevo mai visto, ad amarli come non avevo ancora amato nessuno, e a volere la loro felicità con tutte le mie forze.

Quando si parla di donne “Moderne”

LADY HOWITT, ridendo E che cos’è una “donna moderna”? MRS CARTER Ma… è una donna che non si sposa per restare indipendente e che si guadagna da vivere. IO Insomma, io sono una donna moderna. LADY HOWITT, sempre ridendo È un altro modo di dire zitella, ecco tutto.

Il lieto fine, romanzato e romanzesco non velo dico.  Vi dico che i libro è ispirato alla vita di Beatrix Potter, ma solo fino ad un certo punto 🙂 . Ed anche che Beatrix Potter non mi è mai piaciuta ma mi sa che mi sbagliavo di grosso.

cop-misscharityok-SHKXX3P6

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Titolo: Miss Charity
Autore: Marie Aude Murail
Editore: Giunti
Pagine: 480
ISBN: 9788809757240

 

Per un’altra (favorevole) opinione su questo libro, vedete anche il blog delle cugggine .

 

Annunci

Informazioni su zaidenoll

Archeologa Preistorica, convinta evoluzionista, militante multiculturalista e lettrice ossessivo compulsiva: dall’etichetta dello sciampo all’ultimo numero di Nature. La sua #sfida2016: curarsi con i libri, che siano premi nobel o robetta terapeutica.

5 commenti su “Marie Aude Murail

  1. Tatiana Larina
    02/08/2014

    brava Zaide!!! ci servono tanto tanti libri cosi!!!!

    Mi piace

  2. zaidenoll
    02/08/2014

    Hai ragione Tati. è leggero e serve!

    Mi piace

  3. speranza
    03/08/2014

    brava Zaide!!

    Mi piace

  4. Pingback: Miss Charity – Marie Aude Murail | trecugggine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 02/08/2014 da in Amore a prima svista, Biografie bolsceviche, Letteratura per bambini e ragazzi.

Seguimi su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: