Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

L’arte di dimenticare (questo libro)

cop

Questo romanzo e’ lieve ed inconsistente proprio come le meringhe preparate da Mira, che per sua stessa ammissione, non durano molto e soddisfano poco. In fondo sono solo albumi e zucchero, e forza della mano. Anche questo libro e’ tutto albume e zucchero, e la mano seppur sapiente di Anita Nair, rimane nell’ombra, o si affaccia timida qua e la’, lanciando qualche frase memorabile, della memoria che avremmo di questo libro se fosse quello che ci aspettavamo.

Non so se ve l’ho gia’ detto, ma io sopporto difficilmente la cosiddetta scrittura “femminile” – che non e’ poi difficile da definire: e’ tutta quella letteratura e cui un uomo non si accosterebbe nemmeno se minacciato di peste bubbonica fulminante. Ci sono rappresentanti della categoria di tutto rispetto – ma ne rifuggo lo stesso. Ci sono quelle ingiustamente tacciate di essere “femminili” forse perche’ femmine (e quelle le amo). C’e’ Anita Nair, di cui sospettavo l’appartenenza alla categoria “solo per signore” ma che mi aveva stregato con la crudezza e la bellezza di “La ferocia del cuore”. Quindi questo libro inconsistente, banale, senza ritmo, con personaggi appiccicosi come marmellata, mi ha deluso molto.

E che dire della protagonista?Come trovare un minimo di empatia con una donna che ha scritto il galateo della “moglie aziendale”? Lo stesso concetto mi fa orrore.

Insomma, ora voglio solo dimenticare. Questo libro.

Titolo: L’arte di dimenticare
Autore: Anita Nair
Editore: Guanda
Pagine: 369
ISBN: 9788860886422

Annunci

Informazioni su zaidenoll

Archeologa Preistorica, convinta evoluzionista, militante multiculturalista e lettrice ossessivo compulsiva: dall’etichetta dello sciampo all’ultimo numero di Nature. La sua #sfida2016: curarsi con i libri, che siano premi nobel o robetta terapeutica.

2 commenti su “L’arte di dimenticare (questo libro)

  1. Leggo sempre i tuoi post. Quello che avverto e apprezzo nelle tue recensioni, soprattutto in quelle non completamente positive, è la voglia di sperimentare, di provare, la curiosità di leggere anche ciò che inizialmente non convince. Non vorrei sbagliarmi, ma questa è la mia impressione. Ciao

    Mi piace

    • zaidenoll
      23/04/2014

      E’ vero 🙂 a parte qualche radicatissimo pregiudizio, per il resto ci provo sempre! Anche se questa volta qui forse era meglio evitare 😀 sono contenta che mi leggi! (anche io ti leggo 🙂 )

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22/04/2014 da in Buttiamoli nel Volga, Indiacomerussia.

Seguimi su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: