Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Limonov

 

c235eae35411b95e3b1a2f6ff56fab1c_w_h_mw650_mhSu Limonov di Carrère è stato scritto ormai tutto. Limonov, uomo controverso e dalle mille sfaccettature, figlio di un ufficiale della Čeca, famiglia modesta, due stanze grigie in cui vivere in un ancor più grigio e spento quartiere ucraino.

Ragazzo, legge i romanzi di Jules Verne e Alexandre Dumas, poi passa a Jack London, Knut Hamsun, grandi avventurieri e vagabondi. Legge i poeti russi. Diventerà lui stesso poeta.

Decide che la vita va vissuta appieno in ogni sua impresa, e così anche

fare il criminale è una buona cosa, anzi che non c’è niente di meglio, ma pensa anche che bisogna puntare in alto: diventare un re del crimine, non uno scagnozzo qualsiasi.

Amerà con passione, cadrà in basso, si rialzerà più volte, sarà affascinato dalle persone per il loro carisma e solo a quelle tributerà il giusto riconoscimento. Disprezzerà con passione, anche personaggi russi molto famosi e riconosciuti dall’opinione pubblica. Egocentrico, pieno di sé, abiterà nelle stanze più malfamate, farà la fame, diventerà sarto, maggiordomo di un riccone di New York, abiterà a Parigi, Belgrado, Roma, tornerà a Mosca, andrà nel deserto del Kazakistan. Farà la guerra, fonderà un partito, andrà in prigione, raggiungerà il nirvana, diventerà uno scrittore riconosciuto in patria e all’estero.

Nulla manca nella vita di Limonov per ricalcare le orme degli eroi della sua infanzia. Non è ancora finita la sua avventura, giusta o sbagliata che sia.

Il libro ha un altro pregio. Spiegare questi ultimi settant’anni (tanti sono quelli di Limonov) dal punto di vista politico ed economico, riuscendo a farci capire un po’ di più quel popolo a noi lontano per tradizioni e riuscendo a farlo in modo avvincente.

«Appartengo a quella categoria di persone che non si sentono perdute in nessun luogo. Vado verso gli altri, gli altri vengono verso di me. Le cose si aggiustano naturalmente».

Titolo: Limonov
Autore: Emmanel Carrère
Editore: Adelphi
Pag.: 356
ISBN: 9788845927331

 

 

Annunci

Informazioni su Agata (e la tempesta)

Prende il nome dal suo film preferito dove Agata è una libraia che incontra, tra gli scaffali, l'uomo della sua vita. Sarà che non è libraia, ma lei ancora non gli è sbattuta contro. Nel frattempo fa l'im-piegata - per sopravvivenza - e partecipa ad ogni corso le sbarri la strada, purché non faccia venire il fiatone. Così, da ex pianista, ex corista, passa per la calligrafia, la legatoria, il teatro, il clavicembalo. E, in tutti gli spazi possibili, vi infila i libri, con una netta predilezione per i classici. E tanti libri per bambini, che suo figlio - molto allegramente - snobba. Però la ama e la sostiene nel suo diventare adulta.

7 commenti su “Limonov

  1. Agata (e la tempesta)
    26/03/2014

    L’ha ribloggato su LibriPensierie ha commentato:

    Libro discusso, anzi, protagonista discusso, ecco una recensione di Limonov

    Mi piace

  2. zaidenoll
    27/03/2014

    Bellissima rece, Agata!

    Mi piace

  3. Tatiana Larina
    28/03/2014

    insomma mi pare un russo a tutti gli effetti!!! lo metto in lista, grazie

    Mi piace

  4. speranza
    28/03/2014

    aggiungo anche io.

    Mi piace

  5. Pingback: La settimana bianca | Parla della Russia

  6. Tatiana Larina
    27/04/2015

    Lo sto leggendo…iniziato col botto, mi sta annoiando…sarà che letto il periodo Henry Miller cui il protagonista si ispira tutto il resto è ripetitivo, se poi ci metti uno Steinbeck da Pian della Tortilla o un Fante… Limonov, sembra pateticamente anacronistico… Comunque Carrère scrive molto bene

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26/03/2014 da in Biografie bolsceviche con tag .

Seguimi su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: