Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Quante famiglie!

ImageQuante famiglie! mi incoraggia un giorno il titolo di un libro per bambini edito da Il Castoro per una fascia di età tra i 3 e i 5 anni.
Che bello! penso, consapevole del fatto che una famiglia formata da mamma e Momo in Italia e papà in Senegal è una famiglia diversa dalle altre e che bisogna aiutare Momo ad esserne fiero, a non sentirsi tenuto ai margini della sua comunità.
Questo libro mi sembra fatto apposta per noi, e lo porto a casa entusiasta, ma leggendolo capisco di aver sbagliato.
Dove sembrava esserci stata un’apertura c’è invece un reiterato istinto di conservazione.
Che peccato!
Le prime due famiglie sono carine, una famiglia allargata ai nuovi compagni dei due genitori, e una famiglia straniera immigrata in Italia. Tutti sorridenti.
Poi c’è la mamma single di un ragazzino di sette anni che passa le giornate da una vicina appassionata di canarini.
Una famiglia che ha perso il papà e ha acquisito, oltre alla nonna anche una sua amica.
Una famiglia composta da papà e un amico di papà.
(e qui comincio a preoccuparmi)
Una famiglia “classica” e con molti figli.
E una famiglia in cui sono inclusi anche i quattro nonni, i sei zii e i sette nipoti.
Nessuna famiglia mista, nessuna (evidentemente) famiglia gay, nessun bimbo disabile, nessun genitore disabile, nessuna nonna o nonno con un nuovo compagno o una nuova compagna, nessun papà single.
E in più.
Sebastiano e il suo compagno Franz (nordeuropeo ed esotico, l’omosessualità è dunque una specie di collana di fiori hawaiana?) non si abbracciano, ma del resto Franz è solo “un amico”.
La mamma single non ha (apparentemente) altro che sé stessa e questo figlio e allora le viene affiancata una (buon per lei) volenterosa e stravagante vicina (per fortuna, se no sai che palle?!)
Gli unici che si tengono per mano e dimostrano esplicito e tenero amore reciproco sono “papà” e “mamma”, che compaiono nell’ultima tavola, quella in cui una solida quercia riunisce quattro nonni, sei zii, sette nipoti e un cane, la famiglia di Andrea e dei suoi genitori.
Come a dire: ci sono molte famiglie, ma l’unica davvero davvero buona è quella in cui ci sono tutti e tutti siedono nel loro posto assegnato dalla Tradizione sui rami della Grande Quercia (cane Neve compreso).
L’intenzione di questo libro è buona, anzi ottima, ma la simbologia delle tavole mi fa davvero dire (con mia nonna) che le buone intenzioni lastricano la via dell’Inferno.
Perchè anche le mamme single hanno una nonna.
(già pubblicato su diaxasso)
Quante famiglie!
Pico Floridi e Amelia Gatacre
Ed. Il Castorio
13,5 €
ISBN888033526X
Annunci

Informazioni su mam coumba

mamma single, blogger, counsellor, esperta di migrazioni e nuove identità

Un commento su “Quante famiglie!

  1. polimena
    18/01/2014

    Tua nonna ha proprio ragione 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Seguimi su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: